Stupro a Panarea, 5 anni di carcere per il re dei materassi Giacomo Commendatore

Nel 2001 una studentessa 18enne di Lucca accusò l'imprenditore e due suoi amici di averla violentata durante un party nella barca all'ancora a Panarea. La vicenda risale al 3 agosto 2001. A bordo del suo yacht, ancorato in rada, Commendatore aveva organizzato una festa con tante belle ragazze. E secondo l’accusa di una studentessa di 18 anni, di Lucca, la nottata tra musica e alcool si concluse con uno stupro di gruppo che la ragazza denunciò il giorno dopo ai carabinieri. Il processo ha chiarito alcuni punti che non erano mai emersi della vicenda. L’episodio, dopo un lungo processo andato avanti in questi otto anni a tappe forzate, sarebbe avvenuto nel pomeriggio del 3 agosto del 2001, a bordo del Reef Blue, una mega barca di 32 metri battente bandiera britannica, di proprietà dell’industriale bolognese. Le accuse si basano sul racconto della ragazza e di una sua amica, entrambe invitate la stessa sera del loro arrivo a Panarea da uno degli imputati, condannato a 4 anni e 6 mesi, col rito abbreviato, Alfonso D’Ambrosio, conosciuto con il nome di Fofò, a partecipare al party che si svolse nel pomeriggio del 3 agosto del 2001 a bordo del lussuoso panfilo. (D.B.)