Un’intensa due giorni di musica a ‘Taormina Arte’

di Maria Teresa Prestigacomo

Modugno

Taormina – La voce di Modugno e la sua canzone “Nel blu dipinto di blu” con  il suo ritornello “ Volare” in versione Jazz, approda al Teatro Antico per la gioia dei turisti che hanno identificato l’Italia con questo refrain, ancor più noto, all’estero dell’Inno Nazionale “ Fratelli d’Italia”. Saranno anche in scena i Simple Minds il 27 Luglio.

Il cartellone del programma di Taormina Arte si prepara ad una intensa due giorni di musica. Domenica (26 luglio) sarà la volta di “Uomini in Frac, omaggio a Modugno”. Il monumento della canzone italiana, protagonista di una serata che punta ad una interpretazione inedita. Modugno è il cantante che proietta l’Italia verso il boom economico, riuscendo a trasformare melodie e linguaggio, ma resta saldamente radicato nella tradizione popolare, ha un cuore antico e un linguaggio nuovo, se ne infischia delle mode, è, adesso, considerato un classico.

A Taormina il jazz non avrà paura dei classici, le sue modificazioni e trasformazioni saranno il risultato di una interpretazione affettuosa e certamente originale. Non si può chiedere certo al jazz di essere filologico, di mantenere una distanza  dall’originale. “Pasqualino marajà” si mischierà, però, con l’Art Ensemble of Chicago, “‘Lu minatori” con Duke Ellington, “Vecchio frac” con Leonard Cohen. Il progetto è di Peppe Servillo e Furio Di Castri. Il primo sarà la voce, il secondo curerà, invece, la direzione musicale. Il cast sarà composto da: Javier Girotto (sax e clarinetto); Fabrizio Bosso (tromba); Fausto Mesolella (chitarra); Mimmo Epifani (voce, mandola e mandolino); Rita Marcotulli (pianoforte); Furio Di Castri (contrabbasso); Cristiano Calcagnile (batteria); Mimì Ciaramella (voce, percussioni).

Gli “Uomini in frac” presentano, dunque, il loro Modugno. “I musicisti, ovvero il meglio del jazz italiano, tratteranno molto liberamente il materiale di Modugno" – conclude Servillo - "senza quel timore di tradire l'originale che spesso si trasforma in snobistico distacco”. Dopo questo omaggio al re della canzone italiana, la serata successiva (27 luglio), toccherà agli “amici di Taormina”. I Simple Mind tornano al Teatro Antico per il loro trentennale di concerti. Lo faranno in mezzo a tanti amici ed un pubblico che non vorrà perdere l'ennesimo appuntamento con la grande musica di Taormina Arte:

la celebrazione dei loro 30 anni di carriera, riproponendo con nuovi arrangiamenti i successi degli anni '80.