Catanese tenta estorsione a lido, fermato

LETOJANNI (MESSINA) - Agenti della squadra mobile di Messina coadiuvati dagli uomini del commissariato di Taormina hanno arrestato Giovanni Pennisi, 31 anni, in esecuzione di un fermo con l'accusa di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. L'uomo originario di Catania e considerato vicino ai clan mafiosi catanesi, ha tentato di estorcere denaro a un lido residence di Letojanni (Me), chiedendo fino a 100 mila euro. Dopo il rifiuto del titolare del residence Pennisi ha cercato di intimidirlo mettendo una bottiglia incendiaria davanti l'ingresso e portando avanti altre azioni minacciose. Gli agenti dopo una segnalazione si sono messi sulle tracce dell'uomo e oggi lo hanno bloccato.