Sequestro beni riconducibili al boss di Barcellona Pozzo di Gotto Carmelo Bisognano

La Direzione Investigativa Antimafia di Messina sta eseguendo un provvedimento di sequestro di beni riconducibili al boss di Barcellona Pozzo di Gotto Carmelo Bisognano, capo della cosca dei "Mazzaroti." La misura, disposta dal tribunale di Messina, riguarda aziende, immobili e una scuderia. In particolare sono state sequestrate quote sociali, ditte, cavalli e un immobile del valore di 700 mila euro. La Dia, il 20 aprile scorso, aveva eseguito un altro maxisequestro per 10 milioni di euro a carico del capomafia. Bisognano, detenuto al carcere duro, è stato condannato in primo grado per mafia nel maxiprocesso alle cosche messinesi "Mare Nostrum".dia-_lastampa.it