Regione Sicilia, Lumia (PD): Sottogoverno e clientele incompatibili con lo sviluppo

di S.I.

La dura presa di posizione dell'on. Giuseppe Lumia utilizza canali modernissimi e giunge su internet attraverso il notissimo social network  'Facebook'.

"Bisogna innovare la Regione siciliana, una Regione-stato, elefantiaca, pigliatutto" - afferma l'ex magistrato - " e riorganizzarla in modo moderno, capace di mettere in atto politiche pubbliche virtuose, che liberino le energie del mercato." E prosegue: "Alimentare una Regione fatta di sottogoverno e clientele è incompatibile con la promozione dei diritti dei cittadini, con il supporto delle vocazioni e dell’autosviluppo dei territori. Dall’anno scorso ad oggi le società regionali piuttosto che diminuire sono aumentate da ventisette a trenta. Enti mangiasoldi, spesso anche inefficienti, buoni soprattutto a distribuire poltrone."

"Emblematico il caso della Risem" - sostiene Lumia - "una società di ricerca sull´euromediterraneo che nel 2007 arrivò a contare 11 consiglieri d´amministrazione prima che il ragioniere generale della Regione si accorgesse che l’ente non aveva neppure una sede."

Di tale malcostume, conclude poi l'on. Lumia, "a farne le spese sono i cittadini e i contribuenti, costretti a pagarne i costi con le tasse e riceverne in cambio servizi scadenti."