Staminali: scoperta “fonte di eterna giovinezza”

Scoperta la ''fonte di eterna giovinezza'' delle cellule staminali: e' una proteina che permette alle cellule bambine di restare tali e quindi pluripotenti, ossia in grado di svilupparsi in ogni direzione, diventando cellule di pelle, cervello, ossa o polmoni.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Cell, e' stata condotta in Gran Bretagna, dal Centro di ricerca sulle cellule staminali dell'associazione Wellcome Trust, presso l'universita' di Cambridge. La scoperta, che ha ricostruito il passo cruciale nella catena di eventi che da' alle staminali la capacita' di svilupparsi in ogni direzione, e' un passo in piu' verso la possibilita' di future terapie basate sulle staminali.

La proteina era nota dal 2003, ma soltanto adesso la sua funzione e' stata compresa fino in fondo. I ricercatori l'hanno chiamata Nanog, dalla frase celtica ''Tir Nan Og'' che indica la terra dell'eterna giovinezza. Svelare il segreto della 'pluripotenza' era uno dei grandi obiettivi della ricerca sulle staminali, osservano gli autori della ricerca, Jose Silva e Jennifer Nichols.

''La nostra ricerca dimostra che la proteina Nanog accende l'ultimo interruttore nel processo a piu' tappe che da' alle cellule il potere della pluripotenza''.Senza questa proteina le cellule resterebbero a meta' strada: gli embrioni non potrebbero svilupparsi e ogni tentativo di programmare le cellule adulte fallirebbe. Poiche' la proteina Nanog funziona come un vero e proprio regista, che controlla l'attivita' di molte altre proteine attive nelle staminali, ''la prossima sfida - dicono i ricercatori - e' scoprire esattamente come Nanog influenza l'attivita' di tutte le altre molecole''.

(Ansa, 21 agosto)