Bimbo ustionato da barbecue a Capo d’Orlando: indagato il nonno

Lesioni colpose. Con quest'ipotesi di reato la Procura di Patti (Messina) ha iscritto nel registro degli indagati il nonno di Stefano, il bimbo milanese di 16 mesi rimasto ustionato sul 40% del corpo tre giorni fa a Capo d'Orlando e tuttora ricoverato all'ospedale "Cervello" di Palermo in prognosi riservata. Il 75enne, residente a Milano, viene ritenuto dalla polizia il responsabile della disgrazia, avvenuta all'interno della casa presa in affitto per le vacanze di fronte la piazzetta dedicata a Padre Pio. A provocare le ustioni del piccolo non sarebbe stato l'accidentale rovesciamento del barbecue, ma lo schizzo di un tizzone ardente mentre il nonno versava alcol sul fuoco per alimentare la brace. Il 75enne ora indagato era rimasto pure lui ustionato, anche se in maniera piu' lieve, ed e' ricoverato a Messina.

(Agi)