Australia, maxi-perdita petrolio

Quasi due mesi per fermare flusso, ambientalisti lanciano allarme

Una massiccia perdita di greggio da un pozzo off-shore in Australia, in soli tre giorni ha creato un fiume nero lungo almeno 14 km. La perdita, secondo gli operatori, non potra' essere bloccata per quasi due mesi, mentre gli ambientalisti lanciano l'allarme. Un mix di gas e petrolio condensato fuoriesce nel mare di Timor, a 3.600 metri di profondita', da un pozzo sottomarino di un'affiliata della Ptt Exploration che dovra' rimborsare milioni di dollari per i costi di decontaminazione.

(ANSA) - SYDNEY, 24 AGOSTO 2009