“Fuori i partiti dalla sanità”: dopo gli ultimi decessi in Calabria, Luigi De Magistris interviene duramente in una nota

di S.I.

magistris

"La sanità' calabrese ancora una volta e' al centro dell'attenzione mediatica per i decessi consumatisi in alcune sue strutture e in cui appaiono evidenti le responsabilita' di un sistema fallato da tutte le parti." A tuonare così é il noto Magistrato, ora Europarlamentare, Luigi De Magistris, sostenuto dai grillini di Beppe Grillo e candidato come indipendente da Antonio Di Pietro nelle liste di Italia dei Valori . "Dopo la tragica ed inaccettabile fine della piccola Sara" - prosegue il Magistrato - "oggi è il caso del povero sig. Caligiuri. Il vero problema che affligge il settore e' l'intromissione rapace della politica, la quale deve scomparire dalla gestione della sanità. Il mondo sanitario è infatti divenuto un serbatoio elettorale, oltre che un forziere d'oro per arricchirsi illecitamente a discapito della salute comune e a danno delle tasche dei contribuenti.
Gli unici criteri da adottare" - conclude De Magistris - "per i dirigenti amministrativi, come per i primari, i medici ed i paramedici impiegati nel settore- devono essere quelli della meritocrazia e dell'onestà. Per attuarli, un primo passo è quello di allontanare ogni intromissione e interferenza dei partiti, tutti e senza distinzione."