Provveditorati in Sicilia assediati dai precari

Stamane, alle 9,  i docenti si riuniranno davanti alla sede dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Messina per manifestare il loro disappunto contro i tagli dissennati operati dal Ministero della Pubblica Istruzione nella Provincia di Messina. I precari della provincia e il sindacato Sfida hanno annunciato un  sit in di protesta. Nella provincia di Messina sono circa mille, tra docenti ed personale ausiliario, che si sono ritrovati senza posto di lavoro. "Si sta consumando in questi giorni l'ennesimo oltraggio nei confronti della scuola italiana. Le convocazioni per gli incarichi a tempo determinato che si svolgono per la provincia di Catania vedono la riduzione di più di mille unità di personale". La denuncia arriva in una nota congiunta dal segretario provinciale del Pd Luca Spataro e dal componente della direzione provinciale del Pd catanese con la delega alla scuola Mauro Mangano. "Mille docenti - aggiungono - che da anni lavorano, dimostrando sul campo la loro professionalità e che da quest'anno il governo Berlusconi decide di lasciare a casa, mentre le classi diventeranno più numerose e l'offerta formativa più scadente". max_b18d42a7aa38b2522d9def07771e0e01Spataro e Mangano criticano la gestione del provveditorato di Catania, "che costringe migliaia di docenti ad accalcarsi in un'unica struttura, dentro aule piccole e insufficienti, senza nessun rispetto elementare della dignità" e chiedono "che si individuino le responsabilità di questa indecenza".