1 Settembre 2009

Riaprire l’isola ecologica di Gravitelli e inaugurare le isole ecologiche già ultimate

Dopo che campagne di sensibilizzazione a livello nazionale e locale spingono il cittadino ad impegnarsi a separare i rifiuti, diventa una beffa recarsi a Gravitelli nell’unica isola ecologica esistente in città e trovarla chiusa. Sul cancello all’ingresso fa bella mostra di se un cartello che precisa che la chiusura permarrà sino a data da destinarsi e da un avviso dell’ATO 3 diffuso dai media si scopre che questa situazione è in atto già da fine luglio. Ora se una bottiglia di vetro ci mette 4000 anni per essere smaltita, una lattina d’alluminio 1000 anni e un contenitore di plastica 300, se inviare i rifiuti in discarica è un costo consistente per la collettività mentre attraverso la raccolta differenziata si ha un ritorno economico per le casse comunali, Messina Futura chiede all’ATO 3, alla Messina Ambiente spa e all’amministrazione comunale di riattivare il più presto possibile il servizio offerto a Gravitelli e inaugurare le altre isole ecologiche già ultimate. E per esercitare la dovuta pressione sulle società ed organi competenti il sodalizio ha indetto una raccolta firme invitando i cittadini a far pervenire le proprie adesioni per dimostrare che anche ai messinesi stanno a cuore le tematiche ambientali.

rifiuti_campane