6 Settembre 2009

Calcio, Campionati minori: serata da incubo per le peloritane

di S.I.

04%20Campo%20Calcio%20a%207%20sul%20Campo%20a%2011

Esordio non fortunatissimo in serie D per l'Acr Messina che, al San Filippo, riesce solo ad impattare a reti bianche con un solido Modica: é ancora presto per poter dire alcunché di definitivo ma sembrerebbero palesarsi ancora dei difetti di condizione oltre agli usuali limiti in attacco che hanno caratterizzato le prime squadre messinesi dell'ultima fase: staremo a vedere e speriamo di sbagliarci. Buon pareggio del Milazzo a Reggio Calabria, con l'Hinterreggio per 1 a 1. Vanno però un pò tutte male le siciliane, ad eccezione del Trapani che batte 3-1 i calabresi del Castrovillari e dell'Adrano che regola con identico punteggio un'altra calabrese, la Rossanese. Sconfitti anche Nissa e Mazara, entrambi per 2 a 1, rispetivamente in casa di Palazzolo e Viribus Unitis. Tra le calabresi, vincono bene la Vigor Lamezia a Sapri, per 1 a 0 ed il Rosarno, che batte nettamente (2 a 0) l'Acicatena.

In Eccellenza, fermo il campionato, si disputa il ritorno di Coppa Italia tra il Camaro e l'Acireale al Celeste di Messina. La partita, alla fine dei tempi regolamentari, termina 1-1, stesso punteggio dell'andata. Ospiti in vantaggio con Zumbo, nella ripresa il pareggio di Gugliotta. Si va direttamente ai rigori, senza supplementari. E ad avere la meglio è l'Acireale che porta a casa la qualificazione.

Due novità nel Camaro rispetto alla gara giocata sette giorni fa al Tupparello: in difesa, sulla destra, è Cappello a sostituire l'infortunato Pulejo; a centrocampo Raffa prende il posto di Mento. Diverse novità nell'undici titolare degli ospiti che presentano D'Angelo al centro della difesa, Truglio e Aiello in mezzo al campo e lo juniores Cassaniti in attacco.

Come già accaduto all'andata l'Acireale parte forte. Al 14' azione personale di Cordaro con tiro sull'esterno della rete. Un minuto dopo ospiti in vantaggio con Zumbo: il centrocampista indovina dal limite la traiettoria giusta e con un gran tiro di sinistro batte Giunta. Al 25' la squadra di Breve potrebbe anche raddoppiare e mettere una seria ipoteca sulla qualificazione ma Esposito, a due passi dalla porta di Giunta, colpisce la traversa. Sul finire del primo tempo viene fuori il Camaro. Padroni di casa pericolosi al 38' con Assenzio: conclusione di destro deviata in angolo da Cascella. A pochi istanti dall'intervallo è Casella a provarci, ma il suo tiro viene ribattuto dal provvidenziale intervento di Aiello. Si va al riposo con l'Acireale in vantaggio per 1-0.

Nella ripresa il Camaro si ripresenta con Gugliotta, un attaccante, per Brancati, un centrocampista. E la mossa produce ben presto il risultato sperato. E' proprio Gugliotta, infatti, a trovare al 17' la rete del pari: il 18enne esterno d'attacco del Camaro sfrutta uno splendido assist da destra di Casella e di testa batte Cascella. Dopo aver riequilibrato il risultato, i messinesi giocano con buona personalità tenendo testa ai quotati avversari. L'Acireale si rende pericoloso al 28' con il colpo di testa di Esposito che costringe Giunta ad un'intervento impegnativo. Di occasioni da rete non se ne registrano più fino al triplice fischio dell'arbitro Mirrione.

Chiusi sull'1-1 i tempi regolamentari, si va direttamente ai calci di rigore, come previsto dal regolamento della competizione. I rigoristi designati dai due tecnici vanno tutti a segno. Così si continua a calciare ad "oltranza". Dal dischetto per il Camaro si presenta Cappello, Cascella respinge la sua conclusione. Il successivo penalty, realizzato da Montella, consegna all'Acireale la qualificazione.

Il Camaro abbandona la competizione ma esce comunque a testa alta dal doppio confronto con l'ottimo Acireale. Il gruppo di Gaetano Accetta si concentrerà adesso sul prossimo impegno. Tra sette giorni prende il via il torneo di Eccellenza: il Camaro farà il suo esordio in casa, al San Filippo, contro il Vittoria.

(Fonte: per il Camaro, www.usdcamaro.it)