10 Settembre 2009

Protestano i dipendenti del Cus senza stipendio da ben 14 mesi

Messina - In una lettera aperta indirizzata al presidente Piero Jaci, al segretario generale Attilio Giannini, a tutto il consiglio direttivo, al Rettore Franco Tomasello e al Presidente del C.U.S.I. di Roma, i dipendenti del Cus si "trovano costretti" a dover attirare l'attenzione su quello che sempre di meno ormai sembra un diritto acquisito: lo stipendio. Ben quattordici mensilità non pagate. "Sono trascorsi ben cinque mesi - si legge nel loro documento - dal giorno in cui, provocatoriamente, il personale ha festeggiato l’anniversario dello stipendio". "In quella occasione - spiegano i dipendenti del Cus - il Presidente Jaci si era mostrato solidale e aveva dato l'ennesima garanzia che tutto si sarebbe risolto entro l'inizio della stagione estiva". Ma così non è stato se questa lettera è stata scritta". Quelle somme  avrebbero contribuito a rendere meno sofferente la vita di quanti quotidianamente hanno contribuito a rendere il CUS una realtà. Se è vero che recentemente il CUS si è trasformato in Ente di Promozione Sociale tasche_vuotequesto non vuol dire diventare una Associazione di volontariato".