12 Settembre 2009

Quasi due milioni i disoccupati in Italia

414_disoccupati

In Italia, nel primo trimestre di quest'anno, la percentuale dei disoccupati ha toccato il 7,9% con un aumento, rispetto al terzo trimestre del 2008, del +1,8%. A indicarlo uno studio della Cgia di Mestre secondo il quale in termini assoluti i senza lavoro sono 1.982.000. Probabilmente a fine anno, secondo le previsioni di Cgia, in Italia si raggiungera' un tasso di disoccupazione medio dell'8,8% che corrispondera' ad oltre 2 milioni e 200 mila persone senza un lavoro. Ma nel resto d'Europa le cose non vanno meglio. Anzi. Sempre al 31 marzo del 2009 in Spagna il tasso di disoccupazione era pari al 17,4% (+ 6% rispetto a settembre 2008), in Francia all'8,7% (+ 1,3% sul 3° trim. 2008) e in Germania all'8,5% (+0,9% su settembre 2008). Solo il Regno Unito registrava un tasso di disoccupazione inferiore al nostro pari al 7,1% (+1,3% su settembre 2008).

Le percentuali sono valori medi nazionali che presentano delle differenze territoriali molto evidenti, soprattutto in Italia. ''Per questo - dichiara Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia di Mestre - abbiamo cercato di capire qual e' la percentuale dei senza lavoro nelle aree piu' industrializzate del nostro Paese confrontandola con i livelli di disoccupazione registrati nelle regioni piu' ricche d'Europa''. Secondo i risultati Cgia nel marzo di quest'anno, il tasso di disoccupazione del Piemonte ha toccato il 7%, quello della Lombardia il 5%, nel Veneto il 4,7% e in Emilia Romagna il 4,1%. Sempre nello stesso periodo nelle tre regioni piu' ricche della Germania la disoccupazione ha raggiunto l'8,9% nella Nordrhein-Westfalen, il 5,1% in Baviera e il 4,8% nel Baden-Wurttemberg. In Francia, invece, nella Provenza-Alpes- Costa Azzurra la disoccupazione e' salita al 10,3% nella Rhone-Alpes all'8,1% e nell'Ile-de-France al 7,4%. Nel Regno Unito la regione londinese ha segnato l' 8,2%, il South-West il 7,9% e il South- East il 5,3%.

Sconcertante la situazione dei senza lavoro in Spagna. La Catalogna presenta una disoccupazione del 16,2%, la Comunidad de Madrid del 13,5% e l'Andalusia addirittura del 24%. ''Da questo confronto emerge in maniera molto chiara - conclude Bortolussi - che nonostante un progressivo aumento dei disoccupati anche nelle regioni settentrionali, non siamo un Paese alla deriva''. (ANSA)