16 Settembre 2009

Domenica festa del peperoncino a forte San Jachiddu

Dalle 11 alle ore 17 di domenica 20 settembre il Parco ecologico “San Jachiddu” di Messina promuove la III Festa del Peperoncino – “Forte come il peperoncino. Saperi e sapori del peperoncino”. La organizza la cooperativa sociale “Scirin”, che gestisce il Forte, con l’Orto botanico “Pietro Castelli” di Messina, l’associazione “Efestus” e l’assessorato ai Beni culturali e ambientali e alla Pubblica Istruzione della Regione Sicilia.

“La terza edizione della "Festa del peperoncino" si propone come un'occasione di incontro e di riflessione a partire dall'ingrediente forse più intrigante della cucina siciliana e mediterranea. In linea con la filosofia del Parco Ecologico S. Jachiddu, si tenterà di fare del peperoncino l'emblema di incontri e contaminazioni non solo culinarie ma più in generale etniche, culturali ed artistiche: verrà infatti presentato alla stampa, alle ore 11 di domenica 20, il progetto di installazioni artistiche Open Air, a cura di Francesca Borgia, e  si rifletterà sulla storia e la geografia di un altro ingrediente caratteristico della dieta mediterranea, i cereali”, sottolinea Sandro Gorgone, presidente della cooperativa sociale “Scirin”. “Si potranno anche ammirare – continua Gorgone - l'opera e i prodotti dei laboratori artigianali del Forte e, soprattutto, ci sarà la possibilità di fare esperienza della rigogliosa natura circostante il Forte, con passeggiate guidate, e attraverso proposte e progetti di percorsi all'interno del Parco. Il tutto all'interno dell'impegno per la valorizzazione e la tutela del paesaggio e dell'ambiente naturale che da anni contraddistingue l'attività della cooperativa “Scirin” e che, quest'anno, si concretizzerà in una campagna per la messa al bando dei sacchetti di plastica e l'uso di borse e stoviglie alternative. Siete tutti invitati a scoprire i sapori e i saperi del peperoncino e la realtà unica del Parco Ecologico S. Jachiddu”, conclude il presidente della cooperativa sociale.

Il programma

Ore 11: presentazione alla stampa del progetto “Open Air”, a cura di Francesca Borgia. A seguire percorsi d’arte visti da vicino.

Ore 12: “Storia e geografia dei cereali”: conversazione con il professore Giacomo Tripodi;

Ore 13: Pranzo con piatti a base di peperoncino (si consiglia di prenotare anticipatamente);

Ore 15: Estemporanea di forgiatura di Maestri scultori del ferro battuto, a cura dell’associazione “Efestus”;

peperoncinoOre 16: Passeggiata guidata sul sentiero natura;

Ore 17: “Quei piccanti ciuri di pipi. Improvvisazione poetica  e canto nella tradizione orale peloritana” con Felice Currò (voce, tamburello, scacciapensieri), Marcello Cacciola (chitarra, flauto di canna, organetto) e Giuseppe Egitto (fisarmonica), a cura del Museo di Cultura e Musica Popolare dei Peloritani (Villaggio Gesso di Messina). Durante la manifestazione rimarranno aperti stand di prodotti al peperoncino, prodotti di florovivaismo, di erboristeria e altro. Saranno allestiti un’esposizione delle ceramiche artistiche “Le terre del Forte” e il progetto per il “Sentiero dei cinghiali”. Verrà anche proiettato un video promozionale per la messa al bando dei sacchetti di plastica. Per l’occasione, inoltre, verrà inaugurata la bottega dei prodotti del Forte: “La putìa”.