19 Settembre 2009

Zone blu: si dia attuazione alla sentenza n. 116/07 della Corte di Cassazione

Diventa ormai quasi un “atto dovuto” dare attuazione alla SENTENZA N. 116/07 della Corte di Cassazione che salvaguarda l’individuazione di spazi destinati a liberi parcheggi nelle aree di sosta a pagamento! Aumentano infatti a dismisura i ricorsi al Giudice di Pace per l’annullamento delle multe nelle zone blu!...  Palazzo Zanca non può rischiare il tracollo!

parcheggi

Davanti all’evidenza, credo che l’Amministrazione non possa esimersi dal correre ai ripari su provvedimenti finora emessi forse con troppa leggerezza! E’ il caso dell’individuazione della sosta libera (finora mai applicata) nelle aree con parcheggio a pagamento. L’ormai nota sentenza n. 116 del 9 Gennaio 2007 emessa dalle Sezioni Unite civili della Suprema Corte di Cassazione (che aveva respinto un ricorso presentato dal Comune di Quartu Sant’Elena oppostosi alla cancellazione di alcune multe inflitte ad un cittadino che aveva parcheggiato nelle strisce blu senza esporre il relativo tagliando), sta rischiando seriamente di creare ripercussioni anche nella nostra città, vista la miriade di ricorsi al giudice di pace (tutti vinti) contro i verbali emessi dagli ausiliari del traffico! La suddetta sentenza, infatti, fa espresso riferimento all’art. 7 comma 8 del Codice della Strada che in sostanza obbliga i Comuni che decidono di individuare aree da destinare alla sosta a pagamento (attraverso la gestione diretta o la concessione a terzi, ovvero dotando le stesse dei dispositivi di controllo della sosta), a realizzare, nelle medesime aree o in altre che si trovino nelle immediate vicinanze, degli appositi parcheggi incustoditi, ossia, appunto, degli opportuni stalli da destinare alla sosta libera! Tale obbligo non sussiste solo nelle zone definite “area pedonale” o “Zona a Traffico Limitato”! In teoria, quindi, sulla base di questa norma, per Messina il problema non si porrebbe vista la presenza della ZTL....Ma sarà proprio così? Beh, visti gli esiti dei ricorsi, non sembra che per il giudice di pace a Messina esistano le  ZTL! Infatti, nonostante sia stato ripetuto fino alla noia che a Messina le ZTL esistano, è opportuno ricordare che le stesse sono disciplinate dall’art. 9 comma 7 del Codice della Strada e dall’art. 135 comma 14 del Regolamento di Attuazione che, in buona sostanza, le descrivono come “aree in cui l’accesso è consentito solo ad alcune categorie di veicoli” (quelli di soccorso, quelli dei residenti e quelli di scarico e carico merci). Già solamente questa definizione potrebbe considerarsi sufficiente per asserire senza mezzi termini che a Messina non esistono ZTL! Ecco perché tutte le multe, e sottolineo TUTTE LE MULTE subite nelle strisce blu dagli automobilisti possono essere impugnate (come, appunto, già lo sono ormai da tempo), proprio perché di fatto, in riferimento alla normativa sopra richiamata, non esistono a ridosso della pseudo-ZTL gli stalli per la sosta libera! Alla luce di ciò, quindi, INVITO il Sindaco Buzzanca e l’assessore alla viabilità Capone a desistere dall’intendere la ZTL come tale e a provvedere ad inserire subito nelle zone blu degli spazi per la sosta libera, evitando così che le già scarne casse comunali non vengano ulteriormente prosciugate da un’altra lunga schiera di ricorsi!...

Il Consigliere della Terza Circoscrizione

Libero GIOVENI