25 Settembre 2009

In giro per le mura

Le prossime tre ore di lezione di Storia dell’Europa moderna (Laurea magistrale in Scienze storiche della Facoltà di Lettere - Università di Messina) saranno “open air”. L’appuntamento è a piazza San Vincenzo, lunedì 28 settembre, alle ore 9. Il prof. Giuseppe Restifo (Dipartimento di Storia e scienze umane) dopo aver iniziato il corso dal titolo: “E su questa pietra…” ha proposto agli studenti tre ore di studio dal vivo e insieme si sono scelte le mura cinquecentesche, ancora vive, seppur a brandelli, dopo quattro secoli e mezzo.

Il percorso prevede la partenza dal bastione San Vincenzo; successivamente la passeggiata si snoderà per via Pracanica, via Fonderia, scalinata fino a via Osservatorio (antico forte dell’Andria), discesa per via Trionfo e via Mitchell, attraversamento di viale Boccetta, risalita lungo via Macello Vecchio, viale Principe Umberto (fortezza di Matagrifone), discesa per via Grattoni e sosta di fronte alle Vecchie Carceri, risalita per via Roccaguelfonia con sguardi a Torre Vittoria, ridiscesa per via Dina e Clarenza, via delle Mura Gentili, via Dama Bianca, attraversamento di via Tommaso Cannizzaro per via Rocca Portalegni e ascesa per salita Santa Barbara, prosecuzione per salita Montepiselli, tratto di viale Italia e ridiscesa, attraverso il quartiere Tirone, fino a via degli Angeli e al bastione Spirito Santo. L’arrivo è previsto per le 11.30, alla chiesa della Spirito Santo, in piazza del Popolo. Esc20060212Le perplessità iniziali degli studenti di Storia erano comprensibili; non tutti sono iscritti al Club Alpino Italiano. Poi è prevalsa la curiosità scientifica di verificare sul campo l’intreccio fra natura dei luoghi e manufatto storico; la decisione della passeggiata è stata presa all’unanimità. A questo punto, trattandosi di un corso tenuto in una Università (ancora) pubblica, si è deciso di aprire al pubblico: chiunque vorrà aggregarsi potrà farlo. Peraltro l’itinerario offre ottimi spunti di riflessione anche sulla “tenuta civica” delle memorie cittadine, persino di quelle “pietrificate” e presenti da oltre quattro secoli nel tessuto urbano. Non si dispera di avere compagni di questo breve viaggio di lunedì mattina anche esperti di architettura militare, in grado di spiegare meglio del prof. Restifo la disposizione delle pietre atte a formare bastioni, cortine e rivellini.