25 Settembre 2009

Lettera aperta alle Istituzioni dell’Associazione “Messina Futura” sul Piano di dismissioni che di fatto cancella la presenza e l’operatività in Sicilia delle Ferrovie dello Stato

"I sottoscritti, tutti residenti in Sicilia, avendo appreso da notizie di stampa diffuse da primarie testate giornalistiche nazionali, regionali e locali, che il Piano di Produzione 2010 di Trenitalia, a partire dal 1 dicembre p.v., letteralmente cancella la presenza e l’operatività in Sicilia delle Ferrovie dello Stato, che seppur non in modo adeguato hanno assicurato comunque sino ad oggi il trasporto di persone e merci dall’isola al resto del Paese, chiedono ai destinatari della presente di verificare nelle sedi opportune la fondatezza delle dette notizie di stampa e, qualora ne dovessero accertare la veridicità, intervenire, secondo ruoli e sfere di competenza proprie, sul Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e direttamente sul Gruppo FS affinchè quest’ultimo modifichi il piano di dismissione descritto sin qui.

Si invoca con la presente l’intervento delle S. V. affinchè, ai sensi degli artt. 1, 3, 5 e 16 della Costituzione della Repubblica Italiana, venga preservato il diritto alla mobilità di tutti i residenti in Sicilia e venga assicurato il principio della continuità territoriale attraverso un mezzo di trasporto, qual è il treno, che andrebbe incrementato e non sminuito anche nell’ottica di politiche in difesa dell’ambiente. Inoltre, qualora Trenitalia dovesse attuare il piano di dismissione citato sono evidenti i gravi disagi che si arrecheranno all’utenza, con riguardo in particolare ad anziani e gruppi familiari costretti a traghettare, con bagagli e quant’altro, da Messina in Calabria per poter usufruire del servizio offerto dalle Ferrovie dello Stato. In ultimo si prega di attenzionare le pesanti ripercussioni che il Piano di produzione Trenitalia comporterà a carico del locale mercato del lavoro, già peraltro fortemente compromesso, prevedendo lo stesso oltre 3000 esuberi tra gli attuali 4800 addetti sino ad oggi impiegati da FS in Sicilia. I sottoscritti chiedono altresì di istituire al più presto, tra tutti i soggetti interessati ai vari livelli, un Tavolo tecnico regionale dei Trasporti al fine di focalizzare tutte le problematiche del comparto e individuarne possibili soluzioni".

Ass. Messina Futura

Presidente (Dr. Sergio Calderone)

TRENO