25 Settembre 2009

Tolleranza zero contro coloro che deturpano l’ambiente

La tolleranza sarà zero contro coloro che si rendono protagonisti di azioni che deturpano l'ambiente e creano problemi di igiene urbana. Lo ha detto immondizia12stamani il sindaco di Messina, Giuseppe Buzzanca, nel corso della conferenza stampa che con il presidente di Messinambiente, avv. Nino Dalmazio, ed il direttore generale, Armando De Maria, ha tenuto a palazzo Zanca per fare il punto sull'attività di controllo delle discariche abusive sul territorio.

Il degrado ambientale è un problema che riguarda tutti e la situazione nel territorio comunale a causa dell’abbandono dei rifiuti non è certo incoraggiante; 1182 sono state infatti le discariche che dal 1 gennaio ad oggi sono state eliminate da Messinambiente e che continuano a riprodursi con ritmi che inficiano la corretta gestione dei servizi. Sono sempre maggiori i casi di rifiuti posizionati fuori dai cassonetti, in particolare rifiuti ingombranti che potrebbero, invece, essere smaltiti gratuitamente chiamando direttamente Messinambiente. Il conferimento dei rifiuti ingombranti e RAEE (frigoriferi, apparecchiature elettriche ed elettroniche) potrà essere effettuato, a titolo gratuito, solo su chiamata alla Messinambiente S.p.A., al numero verde 800-042222, che provvederà al loro diretto ritiro, nei modi e tempi indicati dalla stessa Società, essendo vietato il libero conferimento in prossimità dei cassonetti. L'orario di deposito dei rifiuti nei cassonetti è dalle 18 alle 22 e la responsabilità per eventuali inadempienze della ordinanza di conferimento nei contenitori, comporterà l’applicazione, nei confronti dei trasgressori, delle sanzioni previste dalle leggi vigenti in materia e la segnalazione all’Autorità Giudiziaria di ipotesi di reato qualora la violazione costituisca fattispecie punibile ai sensi delle leggi vigenti. Gli agenti della Polizia municipale incrementeranno, anche con pattuglie civetta, il servizio specifico di controllo della osservanza di quanto disciplinato dalla ordinanza, comminando le previste sanzioni ai trasgressori. Intanto il presidente Dalmazio ha confermato la notifica del decreto di pubblica utilità per la discarica di Pace ed il sindaco Buzzanca ha confermato che entro la fine di ottobre si potrà definire l'iter di questa importante struttura di smaltimento. Confermato infine l'arrivo dei primi 36 nuovi cassonetti, contingente della fornitura di 500 contenitori che andranno a sostituire i contenitori vetusti o incrementarne il numero in alcune aree. I problemi causati dal comportamento di alcuni cittadini sono d'igiene ed economici, i costi per recuperare i rifiuti abbandonati o per bonificare le discariche abusive vanno, infatti, a sommarsi a quelli relativi alla normale attività di ritiro e la situazione finanziaria non consente di sopportare oltre tali impegni. A ciò va poi aggiunto il degrado delle vie e delle piazze determinato da azioni prive di senso civico. Oltre al problema dell’abbandono è da sottolineare come sia sempre più importante prendere consapevolezza che complessivamente si producono troppi rifiuti ed è quindi auspicabile un comportamento responsabile fatto di piccole azioni che miglioreranno sicuramente il futuro.