27 Settembre 2009

P.a.: abrogate le norme di Brunetta contro i “fannulloni”

di Grazia Solazzo

Il provvedimento "antifannulloni" del ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, è stato abrogato con un decreto legge dell'1 luglio, poi trasformato in legge. Lo riferisce il sito di Repubblica.it. Le norme prevedevano disposizioni penalizzanti per gli impiegati pubblici, tra le quali indennità di malattia ridotta, e fascia di reperibilità per i dipendenti in malattia estesa praticamente a tutta la giornata. Adesso le fasce orarie di reperibilità sono tornate due di due ore ciascuna, la certificazione medica è stata nuovamente affidata al medico convenzionato, risultano abrogate alcune delle norme che prevedevano penalizzazioni economiche.

Tratta da: http://paoladifraia.files.wordpress.com

Le nuove regole sono state cancellate, secondo i sindacati di categoria, perchè ampiamente anticostituzionali. "Dopo oltre un anno di annunci mediatici - commenta il segretario generale della Fp Cgil, Carlo Podda - i cittadini e le imprese possono purtroppo vedere che laddove i servizi funzionavano più o meno bene continuano a farlo, e così là dove funzionavano male. Semmai c'è il rischio che, con tutti i tagli fatti dal governo, anche là dove le cose funzionavano non troppo male adesso vadano peggio. E invece - conclude - c'è bisogno di una pubblica amministrazione che funzioni, e noi sindacati, a differenza di quello che dice il ministro, abbiamo tutto l'interesse perché funzioni davvero".
(Fonte Facebook)