28 Settembre 2009

Ferrovie: sciopero contro l’isolamento della Sicilia

di Giuseppe Lumìa

arton3859

catania%20attesa%20partenza%20treno%203888%20in%20ritardo%20Lo sciopero di oggi, degli operai e dei sindacati delle ferrovie, è il primo atto di protesta contro l’isolamento della Sicilia. Ancora una volta l’Isola viene mortificata. Sotto tiro i collegamenti ferroviari siciliani con la cancellazione dei treni a lunga percorrenza, la chiusura di officine e uffici, nonché la fine della continuità territoriale.

Andiamo ai dati: cancellazione delle 8 coppie di treni a lunga percorrenza, 16 tra intercity ed espressi; chiusura delle officine di manutenzione di Messina, Siracusa e Palermo; chiusura sala operativa di Palermo e di tutti gli uffici collegati, le stazioni e la totale soppressione delle navi che traghettano i treni nello stretto.

Una scelta che ha conseguenze nefaste sul piano dei trasporti e dell’occupazione e che mette in ginocchio il già precario e insufficiente sistema dei trasporti siciliano. A rischio gran parte delle 4800 unità di personale oggi impegnate da FS in Sicilia.

Anche in questo caso sia il governo nazionale che quello regionale si sono dimostrati assolutamente irresponsabili. È paradossale che l’esecutivo parli di ponte sullo stretto, come opera indispensabile per lo sviluppo della Regione, quando poi consente a FS di disinvestire in Sicilia.

A tal proposito presenterò un’interrogazione parlamentare per richiamare il governo alle sue responsabilità.

(Fonte: www.giuseppelumia.it)