28 Settembre 2009

Presentazione del progetto di riqualificazione urbana del Tirone

Un incontro con i rappresentanti istituzionali della Città di Messina, promosso dalla Società di Trasformazione Urbana “Il Tirone SpA”, si svolgerà oggi pomeriggio, alle ore 17, nel sito della Chiesa di S. Maria Alemanna, per la presentazione del progetto di riqualificazione urbana.

L'iniziativa è stata decisa dal Consiglio di amministrazione della Stu, presieduto dal dott. Giuseppe Picarella, d'intesa con l'Amministrazione comunale. La società “Il Tirone SpA“ ha il Comune di Messina partner pubblico per il 30 per cento delle azioni, mentre il restante 70 per cento è diviso tra partners privati (Garboli S.p.A. – Demoter S.p.A. – Studio FC e RR Associati S.r.l. – Trio S.r.l. – Quattropareti S.r.l. – Ingegneria e Finanza S.r.l.). Obiettivo dell’evento è quello di far conoscere - in questa prima fase – alle istituzioni, i dieci interventi inseriti nelle linee guida del progetto di riqualificazione: polo scolastico-parcheggio, centro commerciale, riqualificazione urbana tessuto storico del borgo Tirone, riqualificazione urbana tessuto borgo storico, scalinata S. Barbara, edificio per uffici Viale Cadorna, restauro del Palazzo degli Elefanti, edificio residenziale Via S. Maria del Selciato, edilizia residenziale Viale Italia, arredo di piazza Lo Sardo ( ex piazza del Popolo), interventi stradali, ed edilizia residenziale pubblica. I lavori, dopo gli indirizzi di saluto del Sindaco della città di Messina e del Presidente della STU, Picarella, verranno introdotti dall’assessore regionale ai lavori pubblici, on. Nino Beninati, e dall’assessore ai lavori pubblici e allo sviluppo economico del Comune di Messina, avv. Gianfranco Scoglio. Seguirà l’illustrazione del progetto dal punto di vista tecnico da parte dell’amministratore delegato della Stu Carlo Borella e dal vicepresidente e coordinatore del grippo di progettazione, ing. Franco Cavallaro. La Società di Trasformazione Urbana “Il Tirone”, nasce per innescare il processo di riqualificazione di un tessuto urbano particolarmente degradato, posto al centro della città di Messina, che per le sue caratteristiche orografiche, è stato solo in parte ricostruito dopo il sisma del 1908. L’utilizzo dello strumento della STU costituisce un esempio unico nella Regione siciliana ed apre la strada a quella partnership pubblico privato che può consentire, in tempi di crisi economica e di razionalizzazione delle risorse degli enti locali, la realizzazione di importanti interventi sul territorio. La presentazione è occasione per illustrare l’iniziativa e per confrontarsi con i soggetti coinvolti sulle opportunità di sviluppo economico e sociale che ne deriveranno. 165Il Comune di Messina e la Stu Il Tirone spa hanno sottolineato che si tratta del primo passo di un cammino di condivisione con la città, ed in questa logica alla presentazione parteciperanno rappresentanti istituzionali, vista l’esigenza di illustrare l’iniziativa di partnership pubblico-privato, ai soggetti coinvolti sulle opportunità di sviluppo economico e sociale che ne potranno derivare. Punti di forza su cui si sviluppa il progetto della STU, è riqualificare e far rivivere il Tirone recuperandone le strutture fisiche per inserirlo nell'organizzazione sociale, culturale ed economica della città, con nuovi spazi di qualità. Gli interventi, infatti, dovranno indurre una rifunzionalizzazione complessiva della zona, rendendo possibile l’insediamento di un sistema di terziario avanzato. Definita la strategia complessiva e gli obiettivi generali e specifici da perseguire, con la costituzione della STU, l’Amministrazione Comunale di Messina ha proceduto alla individuazione dell’area urbana interessata, previa delibera del Consiglio Comunale n. 73 del 30 ottobre 2001, e successivamente a raccogliere, attraverso la pubblicazione di apposito Bando pubblicato nella G.U.C.E. S123 del 27/06/2002, le manifestazioni di interesse da parte dei privati che volevano essere selezionati come partner per la costituzione di una STU. Le finalità generali dell’intervento di riqualificazione urbana sono creare le condizioni per accrescere produttività e competitività delle imprese sviluppando i processi di innovazione; attrarre risorse imprenditoriali, intellettuali, finanziarie, dall’esterno; valorizzare e finalizzare allo sviluppo e alla crescita le risorse endogene (immobili e mobili); migliorare la qualità della vita e le condizioni sociali ed economiche delle popolazioni residenti; e creare condizioni di contesto (riduzione progressiva e verificabile dei divari nelle dotazioni infrastrutturali rispetto alle aree più sviluppate, disponibilità di servizi qualitativamente adeguati, qualificazione e specializzazione delle risorse umane e delle procedure amministrative ed autorizzative, qualità ed efficacia della pubblica amministrazione).