Inferno a Messina: soccorsi sotto la pioggia

in102xf6X_20091002

Continua a piovere a Messina, colpita nelle ultime ore da un'alluvione che ha provocato, secondo l'ultimo bilancio ancora provvisorio e secondo l'unita' di crisi allestita presso la Prefettura, 19 morti accertati (la Protezione civile fornisce un numero di 20, n.d.r.) e 34 dispersi. Ma il numero delle vittime é destinato quasi certamente a salire e, secondo il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, potrebbe arrivare a 50. Berlusconi ha parlato di 'situazione molto grave', annunciando l'intenzione di recarsi sui luoghi del disastro nelle prossime ore. E mentre le forze dell'ordine segnalano la presenza sciacalli nelle case abbandonate di Scaletta Zanclea, e' stata completata l'evacuazione di Giampilieri: 435 persone che si erano rifugiate nella scuola elementare del paese sono state trasferite con degli autobus in alcuni alberghi a Messina dopo che i mezzi di soccorso sono riusciti a liberare la strada che collega la piccola frazione con la provinciale 114.

Alle prime luci dell'alba si e' inoltre ripreso a scavare nel fango, perche' nel paese vi sarebbero almeno altre due persone, due fratelli, che risultano dispersi. Si scava ancora a Scaletta Zanclea, il comune completamente devastato dalla massa di fango venuto giu' dalle colline. Secondo il sindaco Mario Briguglio, vi sarebbero ancora sotto le macerie del paese sei persone, tutti cittadini abitanti che si trovavano in casa quando e' arrivata l'ondata di fango, mentre sono sei i cadaveri che sono gia' stati estratti dalle case. Alle 13.30 si riunira' la giunta della Regione Siciliana per fare il punto sugli interventi da adottare. La giunta dovrà 'decidere i primi interventi necessari per alleviare le sofferenze delle popolazioni cosi' duramente colpite e programmare una serie di provvedimenti di breve e medio periodo per tutto il territorio siciliano volti ad evitare che simili catastrofi possano ripetersi in futuro'. 

A Messina intanto piove ed e' strage: tutti sanno che il bilancio del disastro è destinato a crescere man mano che un amico, un parente indica quello che resta di una casa e, come in un rosario, pronuncia i nomi di chi potrebbe essere sepolto sotto le macerie e il fango di una tragedia ''se non annunciata, immaginata'', ha detto il capo della Protezione civile Guido Bertolaso, puntando il dito contro ''l'incuria e l'abusivismo''. Parole subito raccolte e rilanciate dal Capo dello Stato, oggi in visita a Matera, che ha voluto sottolineare la necessita' di destinare investimenti non a ''opere faraoniche - ha ammonito Napolitano - ma al territorio''. I luoghi della strage si chiamano Giampilieri, Santo Stefano Briga, Scaletta Zanclea, le prime due sono frazioni di Messina, l'altro paese è un paio di chilometri oltre il confine comunale, tutti lungo la costa jonica. Qui ieri sera e' scoppiato l'inferno. Ma gia' due anni fa ci furono le ''prove generali'' di un disastro che oggi tutti definiscono una ''strage annunciata'', dal parroco di Giampilieri, Don Giovanni Scimone, al deputato regionale del Pd Filippo Panarello, anche lui nato nella borgata. Dopo mezz'ora di pioggia - cominciata a cadere con forza verso le 17 - era gia' emergenza. Poi non ha quasi piu' smesso fino alle 11 di stamattina, quando l'emergenza era da un pezzo diventata tragedia. Lo hanno capito subito gli uomini dei soccorsi, costretti da arrivare sui luoghi del disastro, dall'alto con gli elicotteri e dal mare con le motovedette della capitaneria vista l'impraticabilita' delle strade, trasformate in fiumi di fango, da dove affiorava il tetto di qualche automobile.

La furia della frana ha trascinato tutto quello che ha incontrato: uomini, case, automezzi. I tetti sono diventati gli unici rifugi, dove donne, uomini, bambini hanno passato anche l'intera notte sotto la pioggia battente, agitando le braccia al primo rumore di qualche elicottero. Gli uomini della Protezione civile, i forestali, i vigili del fuoco giunti da piu' regioni, hanno scavato senza mezzi meccanici per tutto il giorno, mentre solo in serata si e' aperto qualche varco per portare le ruspe dove servivano e dove c'erano da sentire altri racconti e apprendere altre tragedie, dopo una giornata in cui tutti hanno imparato il nome di Agnese Falgetano, 44 anni, postina napoletana che ha trovato la morte a Briga. Lei e' rimasta sepolta; suo figlio di 12 anni, Dario, pochi secondi prima era uscito da casa mandato dalla mamma a comprare le candele, ed e' vivo. Così come Giuseppe De Luca e suo figlio di quattro anni, sopravvissuti perche' non erano in casa, dove si trovavano l'altra figlia e la moglie. E tutti hanno visto Raffaella Maugeri piangere e scavare, perche' fino a poco prima dell'alba i suoi due figli di 21 e 23 anni, Leo e Cristian, sepolti dalle macerie, davano segni di vita. Poi e' calato il silenzio. A Giampilieri, c'e' chi si chiede che fine abbia fatto il piano per la sicurezza, 11 milioni d'investimenti, realizzato dopo la frana del 25 ottobre di due anni fa. Di quei soldi sono stati spesi soltanto 45 mila euro per un terrazzamento. Un cantiere si sarebbe dovuto aprire lunedì prossimo, troppo tardi. Da cio' che resta di Giampilieri, alzando lo sguardo verso la collina, si intravedono le case della piccola borgata di Molino, e ancor piu' su c'e' Altolìa. Ma sono luoghi dove si puo' arrivare solo arrampicandosi, perche' le strade non ci sono piu'. Cosi' come sono interrotti i grandi collegamenti: l'A18 Messina-Catania, riaperta a fatica dopo 24 ore, servira' solo per i soccorsi. la Statale 114 e' coperta dal fango, e sotto ci sono ancora le automobili.

PARROCO GIAMPILIERI, DISASTRO ANNUNCIATO - Si e' ripetuto quello che era accaduto due anni fa, quando, solo per un miracolo, non ci furono morti. Parla di 'disastro annunciato'' padre Giovanni Scimone, parroco di Giampilieri, la frazione del comune di Messina devastata da un nubifragio costato la vita a 14 persone. ''Stavolta - spiega - la pioggia e' durata di piu' ed e' stata piu' violenta e ora contiamo le vittime''. ''In due anni - continua - nessuno ha preso provvedimenti, nonostante il precedente alluvione fosse stato più di un segnale. Le colline sono prive di alberi - in parte distrutti dagli incendi, in parte tagliati per edificare -, non sono stati costruiti muri di contenimento. Tutto questo comporta che una pioggia piu' violenta fa venir giu' le frane''. Don Scimone, che vive nel centro di Messina, non e' ancora riuscito a raggiungere la frazione. ''La strada - dice - e' bloccata. I parrocchiani mi raccontano di scene drammatiche: case crollate, gente sotto le macerie, fiumi di fango''.

CADUTI 230 MILLIMETRI PIOGGIA IN 3/4 ORE - Sono almeno una ventina le persone rimaste ferite e gia' ricoverate negli ospedali della provincia di Messina, dopo l'ondata di maltempo che ha investito la Sicilia orientale. Un numero che e' destinato ad aumentare in quanto vi sono dei comuni e delle frazioni che non sono ancora state raggiunte a causa delle frane e delle colate di fango. ''La situazione e' pesante - dice il vice capo del Dipartimento della Protezione Civile, Bernardo De Bernardinis - in alcune zone sono caduti anche 220/230 millimetri di pioggia in tre-quattro ore''. De Bernardinis ha sottolineato che fin dalla serata di ieri, quando e' stato intensificato l'allerta meteo emesso nel pomeriggio, il Dipartimento e' rimasto in contatto con le prefetture di Messina, Catania e Palermo e nella notte un team di esperti del Dipartimento ha raggiunto il centro operativo in prefettura a Messina, per coordinare l'invio dei soccorsi dalle altre zone della Sicilia e delle altre regioni. Le situazioni piu' difficili, affermano al Dipartimento, sono quelle di Scaletta - dove i feriti sono stati portati via con una motovedetta delle Capitanerie di Porto perche' l'univo modo per arrivare al paese era via mare - Molino e Giampilieri. In quest'ultimo comune si sono registrate diverse frane e anche un'esplosione di gpl che ha causato crolli. Ancora isolato, invece, Briga, in quanto i mezzi di soccorso non sono riusciti a farsi largo tra le colate di fango. (ANSA)