Maurizio Rella: una tragedia annunciata

"Esprimo dolore per le vittime di questa tremenda e assurda tragedia. Per tutti i cittadini dei paesi alluvionati, che stanno vivendo terribili ore di paura, disagio e preoccupazione, solidarietà. Il bilancio, se pur provvisorio, è terribile e non può che lasciare sgomenti. Ma viva e forte resta l’indignazione verso chi avrebbe dovuto e potuto porre in essere tutti i mezzi e le risorse possibili, per evitare una tragedia annunciata. Una politica del territorio, dissennata, che ha permesso il saccheggio e la cementificazione indiscriminata, continua, nelle nostre istituzioni locali,  a propinare la logica del mattone come l’unica possibile nella nostra realtà e a privilegiare opere faraoniche inutili.Basta con i pianti da coccodrillo! Si faccia una seria autocritica, incominciando a partire da una inversione di tendenza sul piano della politica del territorio, della sua salvaguardia e di una necessaria 20090924105314 franariqualificazione ambientale per uno sviluppo eco-sostenibile."