Disastro di Messina: la posizione dei Procuratori di Cittadinanzattiva

19202282_2I Procuratori dei Cittadini di Cittadinzattiva di Messina, riunitisi d’urgenza, preso atto dei gravissimi eventi che hanno sconvolto la zona sud della città, hanno espresso solidarietà alle famiglie colpite, le più sentite condoglianze ai parenti delle vittime ed il ringraziamento ai soccorritori, militari e civili, che si sono prodigati per salvare vite umane e continuano a soccorrere i sopravvissuti.

Dopo aver constatato che i precedenti sconvolgimenti del territorio verificatisi, sia della zona Nord della città che nella stessa zona oggi interessata, non sono stati seguiti da adeguati provvedimenti di tutela del territorio, hanno deciso di costituirsi parte civile non appena la Procura della Repubblica, avrà individuato i responsabili. Hanno, inoltre, avvertito la rabbia di molti cittadini messinesi, alimentata anche da alcune improvvide dichiarazioni di personaggi politici ed esponenti del Governo che non sono riusciti a resistere alla tentazione di fare passerella anche in presenza di drammi di questa portata.

In particolare il ministro Prestigiacomo che, nonostante il suo ministero abbia poteri di intervento e sostitutivi, non ha inteso mai avvalersene in una Regione, quella siciliana che non ha ancora recepito la legislazione nazionale sulla tutela del suolo e delle acque. E questa volta l’intervento non poteva essere impedito dall’usbergo dello Statuto speciale, giacché la Sicilia non ha alcuna competenza primaria in materia ambientale, mentre le modifiche al titolo V della Costituzione l’hanno riservata esclusivamente allo Stato.

Ulteriori informazioni in merito presso:

CITTADINANZATTIVA

Coordinamento provinciale – viale pr. Umberto 49, tel. e fax. 090/713129

Sede operativa: via della Zecca 81 – tel. e fax 090/671420

                                                                    98122 – Messina