13 Ottobre 2009

SANGUE CORDONALE

Nel sud le unità di sangue cordonale conservate nel 2008 nelle apposite banche per  la donazione di cellule
staminali sono state un decimo di quelle  donate nel nord. A riferirlo, in una nota, è l'Adoces, la  federazione che riunisce la associazioni di donatori di cellule staminali.
'E' dunque indispensabile - sostiene l'Adoces - che proprio  al sud si faccia un'informazione chiara e capillare e che le  madri che decidono di
intraprendere la via della donazione al  momento del parto trovino dall'altra parte personale preparato  ad accogliere ed a conservare correttamente
il sangue ricco di  staminali'.
Proprio allo scopo di favorire nel meridione la formazione  del personale sanitario addetto alla raccolta di sangue  cordonale, l'Adoces ha
organizzato un corso a Reggio Calabria,  che sarà inaugurato il 15 ottobre, insieme alla Federazione  nazionale consigli ostetriche (Fnco) e con il
sostegno  finanziario del Movimento del volontariato italiano.
Altri due corsi analoghi sono stati organizzati per il nord,  il 18 settembre, e per il centro Italia, in data da definire.
'L'auspicio - spiega Miriam Guana, presidente della Fnco -  è che partendo da una visione comune, le varie realtà  operative (istituzioni e
volontariato) promuovano costantemente  un aggiornamento che segua l'evoluzione tecnico-scientifica e  normativa, permettendo performance di alta
qualita' secondo  standard nazionali ed internazionali'.