17 Ottobre 2009

COSTITUZIONE: ANM, “DIFESA A OLTRANZA”

"Difenderemo ad oltranza i valori della Costituzione". Lo ha detto il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Luca Palamara, interpellato a margine della riunione del parlamentino delle toghe, sulle riforme annunciate dal governo in materia di giustizia.

Il Giudice Palamara (archivi.diariodelweb.it)

"Stiamo vivendo un clima di tensione in cui l'Anm non vuole essere trascinata. Diciamo no ad una riforma costituzionale, difendiamo l'autonomia e l'indipendenza dei magistrati nell'interesse dei cittadini - ha spiegato Palamara - vogliamo una riforma della giustizia per processi piu' veloci. Su questo tema siamo sempre pronti a confrontarci".

Le polemiche degli ultimi giorni, scoppiate dopo la sentenza sul Lodo Alfano e "gli ignobili attacchi rivolti a colleghi - aggiunge il leader del sindacato delle toghe - non ci intimidiscono, ma e' forte il malcontento all'interno della magistratura". A chi gli chiede se sia possibile arrivare anche ad uno sciopero, Palamara risponde: "noi abbiamo un senso di responsabilita', siamo qui per discutere le iniziative piu' opportune da adottare". In merito poi ad una riforma relativa all'elezione dei componenti del Csm, il presidente dell'Associaizone magistrati ricorda come "al nostro interno abbiamo avviato una discussione per una 'autoriforma' anche per selezionare i rappresentanti al Csm. Ma altro e' il ritorno al passato, prima della nascita della nostra Costituzione, con i pm sotto il controllo dell'esecutivo".