27 Ottobre 2009

Messina, crolla soffitto della soprintendenza. La FP CGIL denuncia: “Inascoltati i nostri allarmi”

"Da anni andavamo sollecitando lo spostamento in una sede adeguata degli uffici della Soprintendenza, insicuri, non a norma, soggetti a frequenti incidenti e inadeguati. Ma tanto la precedente direzione quanto l'attuale non hanno ritenuto nemmeno di risponderci". Così Clara Crocé, segretaria generale della Fp Cgil di Messina, commenta la notizia - diffusasi in mattinata- del crollo di un soffitto nella Palazzina della Soprintendenza di Viale Boccetta dove tra personale fisso e precari lavorano più di 200 persone. "Un puro caso che non si sia fatto male nessuno- osserva Crocè- ma da anni alla Soprintendenza denunciamo crolli di intonaci, allagamenti degli archivi, mancata rispetto dei requisiti sulla sicurezza e una condizione diffusa di disagio del personale che si trova stipato con 4, 5 scrivanie per stanza". La Fp Cgil di Messina torna a chiedere il trasferimento dei locali della Soprintendenza in una sede adeguata e rispondente alle norme sulla sicurezza. "Affitti elevatissimi per una sede inadeguata mentre da anni si continua a pagare anche la nuova ala ancora inagibile nonostante l'avvio dei lavori, poi sospesi- spiega Crocè-. Ci sarebbe da chiedersi chi è il beneficiario di questa situazione".