29 Ottobre 2009

LUNEDÌ 9 NOVEMBRE 2009 SCIOPERO NAZIONALE DELLA SCUOLA

di ANIEF (ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE E SINDACALE)

Tratta da: www.educando.it

Scioperiamo il 9 novembre 2009 con l’ANIEF perché vogliamo:

le 67.000 (Docenti) e 5.000 (ATA) IMMISSIONI in RUOLO previste entro il 2009-2010 (Poche le 16.000 concesse);

il RITIRO del Regolamento di riorganizzazione della rete scolastica (STOP agli 87.000 TAGLI INCOSTITUZIONALI);

le cattedre per gli alunni diversamente abili e lo STOP ai TAGLI sul SOSTEGNO;

il RISPETTO della COSTITUZIONE, del TAR e del CDS per le GRADUATORIE ad SAURIMENTO e il DIRITTO alla MOBILITA’ di tutti i PRECARI (SI al MERITO, NO ai NATALI o alle RESIDENZE!);

il RITIRO DELL’EMENDAMENTO AMMAZZA-SENTENZE USIAMO i PETTINI e non le CODE);

il RITIRO DEL D.L. 134/09 TRUFFA-PRECARI e a STABILIZZAZIONE del PRECARIATO nel RISPETTO dell’EUROPA RUOLO o SUPPLENZA, stessa DOCENZA);

gli SCATTI BIENNALI di ANZIANITA’ come per i docenti di religione e a trasformazione dell’ORGANICO di FATTO (30 giugno) in DIRITTO (31 agosto);

l’assorbimento/reclutamento di tutto il Precariato contro ogni CHIAMATA DIRETTA;

la Valutazione del Titolo SSIS e del Riservato per la MOBILITA’ del personale di ruolo;

la RICONFERMA dei SUPERVISORI di TIROCINIO nella formazione iniziale;

la VALUTAZIONE nei concorsi a dirigente/ispettore, una PROGRESSIONE di CARRIERA;

l’INSERIMENTO nelle GRADUATORIE ad ESAURIMENTO egli specializzandi COBASLID, AFAM, A77, SFP iscritti nel 2008 e nel 2009;

lo sblocco della nuova FORMAZIONE INIZIALE nel 2009-2010, perché CONGELATI, LAUREATI, PRECARI aspettano le ELEZIONI RSU previste nel dicembre 2009 e la libertà di voto e di scelta (No alla Fine della DEMOCRAZIA SINDACALE!);

più FONDI per la Ricerca, l’Università e la Scuola (1 punto in più di P.I.L.) e lo sblocco dei CONCORSI per RICERCATORE.

Nonostante la legge 296/2006 abbia previsto un piano programmatico di assunzione di 150.000 unità di personale docente nel triennio 2007-2010, come autorizzato dal relativo decreto interministeriale, il D.M. n. 73 del 4.8.09 ha autorizzato soltanto l’immissione in ruolo per il 2009-2010 di sole 8.000 unità per il personale docente e di 8.000 ATA, non risolvendo né il problema del precariato né il ricambio generazionale e lasciando così insolute 72.000 assunzioni. Per di più, sebbene la legge 244/2007 abbia indicato un parametro preciso nella definizione dell’organico di diritto del personale docente specializzato e utilizzato su posti di sostegno, da adottarsi nel triennio 2007-2010, ad oggi, mancano più di 3.000 unità di personale di ruolo su posti di sostegno.

Abbiamo ricorso al TAR per ottenere le 72.000 IMMISSIONI

I tagli imposti dalla legge 133/2008, poi, hanno accresciuto il disagio delle famiglie e degli operatori della scuola, senza, peraltro, esser stati coperti da una corretta prassi normativa come la sentenza n. 200/09 della Corte costituzionale ha chiarito, mettendo in dubbio la potestà regolamentare del D.P.R. n. 81 (organizzazione rete scolastica) e n. 89 (Revisione scuola primaria) del 20 marzo 2009 contro cui si sono espresse le Regioni.

Ricorreremo al TAR perché la Corte Costituzionale blocchi i TAGLI

A dispetto della sentenza del Tar ottenuta dall’ANIEF che ribadisce la centralità della certificazione nel processo di
assegnazione delle ore di sostegno, si procede alla perequazione provinciale del rapporto uno a due tra alunni/insegnanti,
senza tener conto delle certificazioni delle USL e delle richieste dei dirigenti e delle famiglie. Diverse alunni diversamente
abili sono in questo momento senza insegnante specializzato.

Piattaforma ANIEF-CIIS per il diritto all’INCLUSIONE

Il reclutamento del personale docente avviene in spregio al merito riconosciuto dalla magistratura amministrativa (TAR e CdS) agli 8.000 docenti precari ricorrenti, al diritto alla mobilità e alla libera scelta della dichiarazione dei punteggi all’atto dell’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento. Il tribunale ha censurato in più punti il D.M. 42/09 del Ministro, ha commissariato il MIUR e lo ha condannato alle spese di lite. Ora un emendamento (1.301) al D.L. 134/09 mette il bavaglio alla Magistratura violando diversi articoli della Costituzione (art. 3, 51, 97), la certezza del diritto e la normativa esistente. Il reclutamento deve avvenire secondo il merito-punteggio dei docenti e non secondo i natali o le residenze.

Ricorreremo al TAR per ottenere il rispetto della GIUSTIZIA dalla Corte Costituzionale

Rimane insostenibile la continua divisione tra organico di fatto e di diritto per tutto il personale docente, creato ad arte per pure ragioni di bilancio, in spregio alla continuità didattica e alla dignità professionale di suddetto personale. Non si può continuare ad assegnare quattro cattedre annuali su cinque ad inizio di ogni anno scolastico con contratti al 30 giugno,
invece che al 31 agosto, in palese violazione anche di recenti sentenze del tribunale del lavoro per il personale ATA.
Vogliamo la trasformazione dell’organico di fatto in diritto come per i docenti di sostegno.

Ricorreremo al Giudice del Lavoro per assicurare la CONTINUITA’ DIDATTICA

E’ ancora disattesa la normativa comunitaria che riconosce al personale precario, che abbia maturato un’anzianità di servizio di tre anni, il diritto alla trasformazione del contratto da tempo determinato a tempo indeterminato, e il diritto agli scatti biennali di anzianità durante la vita da precario, come avviene per i docenti di religione e come le sentenze del Tribunale di Roma, Tivoli, Treviso hanno già riconosciuto. L’ultimo D.L. 134/09, coprendo per legge queste ingiustizie reca soltanto norme-truffa per i precari e si beffa dell’Europa. Le graduatorie distrettuali devono essere aperte a tutti i precari oppure devono essere ritirate. La continuità didattica si assicura alle famiglie con le immissioni in ruolo: se una cattedra è libera per due anni deve essere data in ruolo e non in supplenza.

Ricorriamo al TAR e al Tribunale del Lavoro per ottenere GIUSTIZIA dall’Europa e dalla Corte costituzionale

Il fortunato personale di ruolo, che non ha perso la cattedra a seguito dei tagli, continua a vedersi negato ogni ipotesi di carriera che, sempre evocata anche nell’ultimo CCNL 2006-2009, cade nel dimenticatoio al momento di una concreta realizzazione. E’ negata anche un’area separata di contrattazione per il personale docente, mentre, permane nel CCNI di mobilità del 12 febbraio 2009 una palese disparità di trattamento per il personale docente in possesso del titolo di specializzazione SSIS o di abilitazione a seguito di concorso riservato, e per il personale che ha prestato servizio come tutor o supervisore presso le SSIS. Quest’ultima categoria di docenti, d’altronde, dopo anni di onorato servizio è cacciata dall’Università, perde il semi-esonero ed è condannata a disperdere la professionalità acquisita in un decennio di esperienza.

Abbiamo ricorso al Giudice del lavoro per valorizzare il titolo SSIS

I supervisori in servizio non soltanto non sono valutati nei concorsi a ispettore-dirigente ma non sono confermati nella nuova formazione iniziale e i tutor saranno scelti senza alcun riconoscimento economico. Le risorse risparmiate dai tagli inferti non sono state allocate né legate a reali meccanismi che premino la professione docente. Si prospetta un nuovo reclutamento legato alla realtà regionale e alla chiamata diretta da parte dei dirigenti dai contorni clientelari e dal certo contenzioso nei tribunali regionali. Le risorse per l’ipotesi del rinnovo del Contratto non sono state definite e non si prospetta alcun reale cambiamento in merito a mobilità e carriera.

No alla CHIAMATA DIRETTA, Si alla conferma e alla valorizzazione dei SUPERVISORI

Gli specializzandi AFAM, A77, COBASLID, Scienze della Formazione Primaria iscritti al primo anno nel 2008 o nel 2009 sono esclusi dall’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento mentre chi si abilita in Europa è inserito a pieno titolo insieme agli specializzati iscritti nel 2007. E’ stata raccolta una petizione con 7.000 firme che sono state depositate in audizione in XI Commissione al fine di prevedere un emendamento che consenta l’inserimento nelle GaE.

La FORMAZIONE e l’ABILITAZIONE devono dare accesso alla PROFESSIONE.

Ancora non si sa nulla sulla nuova formazione iniziale dopo che i congelati della SSIS hanno vinto un ricorso che gli avrebbe dovuto consentire la ripresa dei corsi presso le SSIS per il conseguimento dell’abilitazione. E gli altri precari, e i giovani laureati, a quando il ricambio generazionale?

Subito la nuova FORMAZIONE iniziale

Il blocco delle elezioni RSU previsto dal Decreto legislativo Brunetta attuativo della legge 15/2009 reca un duro colpo alle regole della democrazia, dell’alternanza e della rappresentanza sindacale e mette a rischio tutto il modello di relazioni sindacali. Nessun Sindacato nel 2009-10 potrà dire di essere in diritto di rappresentare i lavoratori della Scuola.

Votiamo per le Elezioni RSU del dicembre 2009

La Scuola e l’Università statale non possono subire ulteriori tagli alle risorse di cui dispongono, già irrisorie nel confronto con le altre realtà dell’Europa. Quest’anno le supplenze negli Atenei in rosso sono affidate a titolo gratuito, mentre si continua a lavorare gratuitamente presso le Scuole private per avere punteggio nelle graduatorie. Gli assegnisti di ricerca, invece, ritorneranno a casa o andranno all’estero perché i concorsi sono bloccati e gli anni di borsa restano limitati.

Stop alla fuga dei cervelli. Un Punto in più di P.I.L. nella Finanziaria 2010 per l’Istruzione

Chiediamo rispetto, dignità, professionalità per i docenti e i ricercatori.
Chiediamo al Ministro e al Parlamento attenzione per il Merito e la Costituzione.
Chiediamo ai cittadini un momento di riflessione sullo stato della Scuola e della Ricerca nel nostro Paese, perché senza la cultura e senza i suoi cultori non ci può essere futuro o ripresa per l’Italia e per i nostri figli. Chiediamo di poter continuare a INSEGNARE, a RICERCARE, a EDUCARE.

Per tutte queste ragioni, scioperiamo con l’ANIEF, Associazione Professionale e Sindacale.

ANIEF - Via Valdemone 57, 90144 Palermo fax + 39 091 6701396 mail segreteria@anief.net tel. 091.516327