3 Novembre 2009

Nave dei veleni in Calabria: Wwf, “Serve perizia pubblica comparata”

gfgff--400x300Il Wwf ha inviato ieri mattina una lettera al ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, e al procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso. Nel messaggio il presidente del Wwf Italia, Stefano Leoni, ha ribadito l'urgenza di una perizia pubblica comparata che possa fugare ogni dubbio e accertare appieno la verità sull'identità e il contenuto della nave affondata a Cetraro. Nella lettera il Wwf segnala che da alcune verifiche compiute dall'associazione esisterebbero delle incongruenze sui punti sui quali hanno operato le due indagini filmate, ovvero, quello utilizzato dalla 'Mare Oceano' e quello su cui ha indagato la stessa Regione Calabria circa un mese fa. Secondo queste analisi il punto su cui ha operato la 'Mare Oceano' sarebbe a tre miglia e mezzo (6,5 km circa di distanza) dal luogo dove era stato individuato dalla Regione Calabria il relitto della sospetta nave dei veleni. (AdnKronos)