5 Novembre 2009

Pedopornografia, Blitz in varie città della Polizia Postale di Catania e Siracusa: 18 indagati, un arresto

fanculo2

La polizia postale e delle comunicazioni di Catania ha eseguito numerose perquisizioni domiciliari in varie città d'Italia nei confronti di 18 soggetti italiani indagati per divulgazione di video pedo-pornografici mediante la rete internet. Nel corso delle perquisizioni è stato compiuto un arresto in flagranza a Chioggia.

L'indagine della polizia postale di Siracusa ha riguardato il contrasto della divulgazione di materiale pedo-pornografico su Internet tramite programmi di file sharing. In particolare, spiegano dalla polizia, gli indagati acquisivano e diffondevano sulla rete Internet video di pornografia infantile, utilizzando il software di file sharing E-Mule. L'arrestato, un impiegato trentenne, deteneva sul computer migliaia di video pedo-pornografici.

Le indagini sono state compiute con attività sottocopertura finalizzata in principalmente alla ricerca di filmati pedo-pornografici, con il coordinamento del Centro Nazionale di Contrasto della Pedo-pornografia On-line (Cncpo) di Roma. Le città interessate dalle perquisizioni sono state: Bologna, Caserta, Catania, Frosinone, Genova, Milano, Napoli, Padova, Palermo, Reggio Emilia, Terni, Torino, Trapani, Varese, Venezia. Numeroso il materiale informatico sequestrato durante le perquisizioni. (Lme - Apcom)