11 Novembre 2009

Giappone, Usa: Obama vuole visitare Hiroshima e Nagasaki

Obama 2008

Barack Obama ha espresso il desiderio di visitare durante il suo mandato Hiroshima e Nagasaki, le due città giapponesi distrutte da bombe atomiche americane. Nessun presidente degli Stati Uniti in carica lo ha mai fatto prima.

Durante un'intervista trasmessa dalla televisione pubblica Nhk, Obama ha dichiarato che non avrà "purtroppo la possibilità" di recarsi in queste due città durante la sua breve visita in Giappone, venerdì e sabato. "Il ricordo di Hiroshima e Nagasaki è ancorato nella memoria del mondo e sarei onorato di avere l'occasione di visitare queste città durante la mia presidenza", ha detto.

L'esercito statunitense sganciò la prima bomba atomica della storia su Hiroshima (ovest) il 6 agosto 1945, quindi un secondo ordigno tre giorni dopo su Nagasaki (sudovest). Il Giappone ha annunciato la sua resa il 15 agosto.

Complessivamente 140mila morti furono accertati a Hiroshima e 75mila a Nagasaki. Gli Stati Uniti non hanno mai presentato le loro scuse per le vittime innocenti e nessun presidente americano in carica si è recato in queste città. Jimmy Carter ha visitato Hiroshima ma dopo aver lasciato la Casa Bianca. Secondo un recente sondaggio, sei americani su dieci continuano a pensare che il loro Paese abbia avuto ragione a sganciare bombe atomiche sul Giappone. Durante un discorso ad aprile a Praga, Obama ha invocato un mondo denuclearizzato, suscitando un'ondata di speranza fra gli abitanti di Hiroshima e Nagasaki, che lo hanno invitato a visitare la loro città. Secondo gli organi di informazione, il presidente americano potrebbe effettuare questo viaggio a margine del vertice della cooperazione economica Asia-Pacifico (Apec) che si terrà alla fine dell'anno prossimo a Yokohama (sud di Tokyo). (Apcom)