12 Novembre 2009

Messina: democrazia e illusione

di Fabrizio Vincimessina%20copia

Credo che Messina sia una città del tutto sottomessa alle leggi dell’aristocrazia, o come afferma l’arcivescovo locale: «La città vive sotto una cappa massonica».

Se abiti nel capoluogo peloritano, il tuo “status di nascita” ti condizionerà a vita.

Un messinese che volesse far carriera senza “agganci”, sarà costretto a lasciare la propria terra perchè non è “figlio d’arte”.

Questa città muore su se stessa: anche se esistono persone di treno-3talento, non trovano sbocchi e sono costrette ad andare via.

L’alternativa sarebbe lavorare in un supermarket o un lavoro socialmente utile; sempre ammesso di avere “santi in paradiso”.

Sono molto amareggiato ma non esiste futuro per la mia città, a meno di azzerare tutti i vertici di potere; ma questa è solo un'illusione.