17 Novembre 2009

INFORTUNI LAVORO: INAIL, IN SICILIA 35. 590 NEL 2008 (+0, 2%)

Nel 2008 il numero di infortuni sul lavoro in Sicilia resta pressocche' costante rispetto al 2007.
INAIL (www.lavoripubblici.it)
Le 'morti bianche' sono state 76, con una flessione dell'1,3%, assai minore del -7,2% che si rileva su scala nazionale. Sono dati della nona relazione della sede Inail della Sicilia, presentata oggi a Palermo. L'anno scorso gli infortuni mortali nell'Isola sono stati 76, uno in meno in raffronto col 2007.

Dei decessi, 42 sono avvenuti in ambiente di lavoro ordinario (cantieri, fabbriche, terreni agricoli), 23 da circolazione stradale (autotrasportatori, commessi viaggiatori ) e 11 in itinere, ovvero durante il percorso per raggiungere il posto di lavoro. I lavoratori morti sulle strade siciliane sono stati 34, il 45% del totale. Tra le province piu' colpite figurano Catania con 23 morti, 8 in piu' del 2007, Ragusa e Messina, con 11 e Palermo con 9 (3 morti in meno del 2007. Il bilancio degli infortuni sul lavoro segna un +0,2%: quelli denunciati sono 35.590 (nel 2007 erano 35.514 ). In controtendenza con il bilancio nazionale, per il medesimo anno, che registra una riduzione del 4,1%. Tra le province e' prima Palermo, con 7.476 infortuni, poi Catania con 7.109, e Ragusa con 4.020 incidenti.

Le malattie profesisonali sono state 1.010, delle quali 926 accertate su lavoratori dell'industrie e dei servizi. Il portafoglio delle aziende assicurate con l'ente previdenziale e' cresciuto. Sono 193.177, con premi accertati per 364,8 milioni di euro, rispetto alle 192.514 aziende del 2007 con 354,7 milioni di premi. L'incremento e' dovuto all'aumento delle imprese del terziario che hanno stipulato assicurazioni con l'ente (+ 663), mentre in leggero calo il numero di aziende assicurate nel settore dell'industria e artigianato. La crescita si conferma anche nell'anno in corso; infatti, al 31 ottobre, il portafoglio di aziende e' di 196.048, registrando un aumento dell'1,84% con 461 milioni di eruo di premi accertati. "Il decreto legislativo 81 del 2008, con le modifiche introdotte dal successivo d.lgs 106 del 2009 -ha affermato il direttore regionale Inail, Mauro Marangoni- ha affidato all'ente un ruolo nuovo, di prevenzione e sicurrezza sul lavoro. Il nostro obiettivo e' quello di dare un efficace azione di prevenzione cosi' da ridurre i costi economici e sociali del fenomeno infortunistico". (Agi)