ODG ANPI APPROVATO ALL’UNANIMITÀ

ODG ANPI APPROVATO ALL’UNANIMITÀ

Il Comitato Nazionale dell’ANPI esprime forte preoccupazione per la crisi di governo in corso che
avviene in una situazione sociale drammatica aggravata dal persistere della pandemia, con circa
100mila contagi e 100 morti al giorno, oltreché ovviamente dalla guerra.

Le emergenze del Paese, a cominciare dall’inflazione, dalla povertà, dalla prevista recessione,
dall’insopportabile aumento delle diseguaglianze richiedono proposte urgenti in particolare una
nuova politica sociale che vada oltre i bonus, che dia vita a un nuovo welfare e metta in pratica una
grande e reale opera di redistribuzione, ma anche una politica per il rilancio sostenibile delle attività
produttive a partire dai settori strategici.

Occorre inoltre un ruolo attivo e responsabile del governo, delle Istituzioni e del Paese perché l’UE
si faccia urgentemente promotrice di una politica di pace, per avviare una trattativa fra le parti
affinché abbia termine la guerra in Ucraina, provocata dall’invasione russa con un immediato
cessate il fuoco.

La reazione russa alle sanzioni dell’UE sta avendo un impatto sconvolgente sull’economia italiana e
sull’economia dell’UE, e concorre in modo primario alla crisi economica in corso.

L’esplosione delle diseguaglianze sociali, in crescita da decenni, è la causa profonda della crisi di
credibilità delle democrazie e la ragione di fondo del nostro Paese sia dell’abnorme tasso di
astensione al voto sia della crescita delle destre radicali e sovraniste.

È urgente una risposta democratica e sociale ai tre capisaldi della nostra Costituzione: la pace, il
lavoro, la rappresentanza democratica.