Resistenza fiscale alla guerra

La ipotizza l’associazione di volontariato fiorentina Idra manifestando in difesa dei diritti della città di Piombino

Resistenza fiscale alla guerra

Mentre attende un riscontro alla petizione inviata al Parlamento Europeo (la legge nazionale che autorizza la realizzazione di una nave rigassificatrice di GNL a Piombino prevede procedure che violano apparentemente il diritto comunitario), l’associazione ecologista Idra solleva il tema dell’obiezione fiscale alla guerra e della disobbedienza civile con un volantino distribuito stamani alla cittadinanza davanti all’ingresso della Giunta regionale della Toscana, in Piazza del Duomo, nel contesto delle iniziative in tutela della qualità della vita e dell’ambiente in Toscana.

Nei provvedimenti governativi di supporto armato al conflitto in corso in Europa orientale fra Paesi che non appartengono all’Unione non sussistono infatti, ad avviso degli attivisti fiorentini, i requisiti di costituzionalità, trasparenza, ragionevolezza ed efficacia atti a giustificare la pretesa utilità di un investimento che, lungi dal contribuire a una soluzione pacifica del conflitto, ne aggrava la dinamica e incidono pesantemente sul bilancio nazionale, e dunque sullo stato sociale ormai in condizioni gravemente critiche in tutti i settori, a partire da sanità, scuola e sicurezza.

 

Questo il contenuto del volantino-stimolo

E se domani…
… visto che ci costringete a partecipare a un massacro che ripudiamo…
se da domani…
… mettiamo il caso…
… noi non ci credessimo più, alle vostre bufale sulla pace, sull’energia e sull’ecologia…
… noi smettessimo di pagarvi i tributi con cui comprate gli armamenti per alimentare le guerre…
… noi ignorassimo la vostra propaganda mascherata da informazione…
… noi boicottassimo i vostri ordini illegittimi…
… noi insegnassimo ai ragazzi la virtù e il dovere della disobbedienza civile a chi viola la Costituzione…
… noi disertassimo i vostri supermercati e sostenessimo i negozi di vicinato…
… noi cessassimo di esigere scontrini dalle attività che state affondando…
… noi abbandonassimo la vostra economia…
… noi chiedessimo alle coscienze di praticare l’obiezione…
… noi invitassimo le forze dell’ordine a difendere innanzitutto i diritti dei cittadini…
… noi finissimo di comportarci come burattini obbedienti…
voi che governate la Toscana, l’Italia e l’Europa...
… cosa fareste?
omaggereste ancora nelle scuole e in televisione a Firenze, a Roma e a Bruxelles Gandhi, Einstein, don Milani e Martin Luther King?