La presentazione di un libro su Taormina occasione per fare cultura

La presentazione di un libro su Taormina occasione per fare cultura

di Giuseppe Smedile (La Voce dell'Isola) -

Sabato pomeriggio presso l’Archivio Storico della biblioteca comunale di Taormina uno degli amministratori del gruppo Facebook ARCHEOPENSIONATI, il dr. Gaetano Consalvo (Istituto per la Cultura Siciliana), accompagnato da Daniel Carnabuci (presidente associazione Serapide di Taormina), hanno partecipato a un evento di grande spessore culturale per tutta la valle dell’Alcantara.

L’occasione è scaturita a seguito della presentazione del libro: “TAORMINA UNA STORIA… E NON SOLO”

Ha presenziato all’interno dell’archivio storico della cittadina, oltre all’autore, prof. Giuseppe Restifo, in qualità di moderatore un autorevole membro del nostro gruppo il prof. Alessandro Abbate, protagonista anch’egli di un’altra autorevole pubblicazione storica riguardante il territorio.

TAORMINA. DEMOGRAFIA, ECONOMIA E SOCIETA DI UNA COMUNITA DEMANIALE SICILIANA TRA IL SEICENTO E SETTECENTO.

Sono intervenuti inoltre, Mario Bolognari e Sergio Todesco, insieme all’Editore Armando Siciliano.

Una interessante manifestazione, degna di nota sia per la metodologia di ricerca sulle fonti, nonché un lavoro sviluppato con acume storico, frutto di una seria analisi delle fonti, ben argomentati attraverso verifiche bibliografiche.

Il Prof. Restifo protagonista dell’evento ha relazionato su storie aspetti e personaggi di una Taormina inedita frutto di un’attenta analisi storica e sociale nel territorio

Inoltre la presenza di Alessandro Abate ha permesso un ampio dibattito, in quanto, attraverso le sue ricerche su Storia e Geografia dal Medioevo all’Età Contemporanea, con mirabili escursioni “investigative “ negli archivi parrocchiali, ha permesso una inedita rivisitazione sull’economia e demografia della comunità demaniale di Taormina e della valle Alcantara tra il ‘600 e il ‘700 .

Molto nel tempo è stato scritto sulla Val Demone e il suo territorio, vorremmo però segnalare a tutti gli storici che operano nel circondario, se interessati, questi due importanti libri, in quanto contestualizzati nella Valle dell’Alcantara, ma sopratutto con netti riferimenti di molti altrettanto autorevoli testi.

Complimenti!

Fare cultura, rievocando e certificando le nostre origini, diventa la più fedele testimonianza della grandezza storica della nostra amata Isola.