La lingua Siciliana arriva nel cuore dell’Europa

L’eurodeputato Ignazio Corrao porta a Bruxelles docenti, istituzioni, esperti ed artisti per valorizzare e promuovere la lingua siciliana

La lingua Siciliana arriva nel cuore dell’Europa

“Una due giorni” a Bruxelles dedicata alla valorizzazione del patrimonio linguistico siciliano, della sua dignità linguistica anche attraverso la promozione dell’insegnamento della storia, della letteratura e della lingua siciliana nelle scuole di ogni ordine e grado. Ad organizzarla è l’eurodeputato Ignazio Corrao del gruppo al Parlamento europeo dei Greens/EFA, originario di Alcamo, che ha incentrato gran parte della sua attività politica e parlamentare alla tutela del made in Sicily, dai prodotti agroalimentari all’ambiente, al riconoscimento delle specialità dell’artigianato e per l’appunto della dignità della lingua siciliana. Corrao è balzato agli onori delle cronache anche per aver portato a termine l’impegnativo tour denominato #SiciliaIn390tappe che lo ha portato a visitare ciascuno dei (adesso) 391 comuni dell’Isola. Gli eventi, che avranno luogo nella capitale belga sede delle istituzioni europee, sono in programma il 6 e il 7 dicembre 2023, rispettivamente al Teatro Lumen e al Parlamento Europeo: “Sound and Taste of Sicily in Brussels” e “Unveiling Sicily and Islands Challenges: Language and Culture”. “La due giorni” vedrà la partecipazione di illustri esperti, autorevoli docenti universitari e accademici, decisori politici che rappresentano la Regione Siciliana, il Governo e il Parlamento UE, l'Unesco, e poi ancora artisti, musicisti, giornalisti, "influencer" siciliani, poeti e appassionati della società civile. L'obiettivo dell'evento è quello di stringere tutte le diverse anime e le istituzioni presenti attorno a un piano d'azione, e di impegnarle in progetti concreti, iniziative e riforme legislative, che rafforzino la protezione del patrimonio linguistico siciliano. Un incontro pionieristico considerando che ben 150 personalità anche da oltreoceano, che hanno dedicato al "siciliano" la loro vita, saranno riunite tutte attorno ad una tavola rotonda nel cuore dell'Europa. 

 

“Un evento unico nel suo genere - spiega Ignazio Corrao - che rappresenterà un momento cruciale per il riconoscimento e la promozione della lingua e della cultura siciliana a livello europeo. Il nostro obiettivo è quello di mettere attorno a un tavolo tutte le molteplici anime che si occupano di patrimonio linguistico siciliano insieme con le istituzioni a tutti i livelli e costruire insieme un piano d'azione, fatto di progetti, finanziamenti e riforme normative. Al termine della due giorni pubblicheremo un vero e proprio manifesto condiviso sulla promozione del patrimonio linguistico siciliano”- conclude l’eurodeputato alcamese. 

 

Il programma prevede per la giornata di mercoledì 6 dicembre alle ore 18.30, un incontro dei relatori al teatro Espace Lumen, Chau de Boondael 36, 1050 ad Ixelles con artisti che della loro sicilianità hanno fatto un motivo d’orgoglio. Si esibiranno artisti del calibro di Lello Analfino dei Tinturia, ma saranno presenti anche Mario Incudine, Alessio Bondì, Amanda Pascali, Salvo Piparo che dialogheranno con il giornalista Salvo La Rosa. Nel corso dell’evento saranno degustati prodotti e specialità regionali. 

 

Giovedì 7 dicembre, dopo la visita mattutina al Parlamento Europeo, alle ore 14.00 si terrà la tavola rotonda nella prestigiosa sala ASP 3E2 del Parlamento europeo dove tutti i partecipanti si confronteranno per dare il via all’evento vero e proprio che avrà inizio alle ore 15.00 con gli interventi dei relatori, tra i quali il prof. Alfonso Campisi, docente universitario della prima cattedra di siciliano al mondo presso l’Università Manouba di Tunisi, il prof. Giovanni Ruffino, presidente  del Centro di Studi filologici e linguistici siciliani, l’Assessore Mimmo Turano, il Dott. Aurelio La Torre, dirigente della Presidenza del Consiglio e il Docente dell'Università, St. John's University, di New York Professore emerito Gaetano Cipolla.