La Lingua Siciliana batte dove le istituzioni dolgono

La Lingua Siciliana batte dove le istituzioni dolgono

Diciotto associazioni presenti in tutto il territorio siciliano, confederatesi sotto la sigla AUCLIS (Associazioni Unite per la Cultura e la LIngua Siciliana), rendono pubblica una loro lettera indirizzata a tutti i deputati regionali, volta a richiamarne l'attenzione sulla tematica della tutela e promozione della lingua siciliana. 

Il documento premette che "la lingua siciliana sta subendo una continua erosione a causa di due fattori: la persistenza di alcuni pregiudizi radicati e l'assenza di politiche concrete per la sua tutela e promozione. Tra i pregiudizi più dannosi: il considerare il siciliano un dialetto dell`italiano, una corruzione linguistica dell`italiano, quasi un linguaggio 'di serie B' rispetto ad esso; associarlo ad ambienti di emarginazione e a situazioni delinquenziali; ritenerlo non adatto alle esigenze dei tempi moderni, e cosi via sminuendo".

"Tutti questi fattori - si legge nella lettera-appello - hanno portato a una situazione in cui la lingua siciliana rischia progressivamente di scomparire, il che sarebbe una perdita inestimabile e catastrofica per la nostra comunità. Non è un caso che l`UNESCO, nel suo Atlante sulle lingue in pericolo (Atlante che, precisiamo, si incentra soltanto sulle lingue e non sui dialetti), ha catalogato il Siciliano tra le 'lingue vulnerabili'."

Alla luce di tutto questo, l'AUCLIS ritiene di fondamentale importanza che i politici siciliani prendano posizione e adottino delle misure concrete per tutelare e promuovere la lingua siciliana, al fine di valorizzare la cultura dell'Isola. Tra le misure proposte da AUCLIS quella di attuare la legge  n° 9 del 2011 relativa all'insegnamento del patrimonio culturale e linguistico siciliano nelle scuole, facendo attenzione a che "non si concentri su approfondimenti di tipo filologico (usato anche sulle “lingue morte”) e non sia contaminato dai residui di un approccio ideologico -forse motivato mezzo secolo fa ma obsoleto ai giorni nostri- secondo il quale dare consapevolezza storica e linguistica aisiciliani equivarrebbe a risvegliare in essi idee e pulsioni autonomiste anti-italiane" ma si cerchi, piuttosto, di "consolidare nei giovani scolari un uso corretto ed effettivo del siciliano come 'lingua viva' e adatta (o comunque adattabile) alle esigenze della vita contemporanea".

Un'altra misura che AUCLIS suggerisce alla classe politica riguarda l'incentivazione dell'uso "della lingua siciliana nei media, compresi radio, televisione e stampa (ovviamente con modalità limitate non essendo certamente in discussione l`uso ufficiale della lingua italiana)". Inoltre, "sostenere e promuovere la produzione e la diffusione di contenuti culturali in lingua siciliana, come film, spettacoli teatrali, musica e libri" e "la creazione di riconoscimenti, eventualmente sotto forma di premi o borse di studio, per gli studenti delle scuole e per altre categorie (come ad es. i giovani giornalisti) che si sono distinti in attività inerenti alla lingua e alla cultura siciliana". Le altre misure proposte si possono leggere in calce alla lettera, il cui testo integrale è disponibile sul sito dell'AUCLIS (www.auclis.it).Contestualmente alla lettera ai politici, AUCLIS rende nota l'organizzazione di un incontro operativo con la classe politica siciliana e con la popolazione, dal titolo “Tuteliamo la lingua e la cultura siciliana”, che avrà luogo il prossimo 21 febbraio, Giornata Internazionale della Lingua Materna, istituita dall'UNESCO, proprio nella sede del Parlamento siciliano, a Palazzo Reale nella Sala Mattarella con inizio alle ore 16. Invece, per questa sera, con inizio alle ore 21:30, AUCLIS organizza il terzo convegno online dal titolo "Alla ricerca della verità sulla Lingua Siciliana: punti fermi e strategie per il suo rilancio", con relatori i professori Gaetano Cipolla (St. John's University, New York, USA) e Marco Trizzino (Università Pontificia Salesiana, Roma). E' possibile seguire il convegno a questo indirizzo: https://streamyard.com/watch/jw3YSFav7CWp

 

Federazione Associazioni Unite per la Cultura e la Lingua Siciliana