“L’Associazione Orchestra da Camera di Messina” festeggia i 50 anni di attività con una stagione concertistica di altissimo livello

“L’Associazione Orchestra da Camera di Messina” festeggia i 50 anni di attività con una stagione concertistica di altissimo livello

L’Associazione Orchestra da Camera di Messina” festeggia quest’anno, 50 anni di attività e lo fa sul solco della sua tradizione, proponendo una stagione concertistica di altissimo livello. 

L’Associazione costituitasi nel 1974, grazie all’impegno di un gruppo di giovani musicisti messinesi guidati dal M° Padre Vincenzo Modaro, si è arricchita in tutti questi anni di numerose e significative esperienze musicali e oggi costituisce una delle espressioni più interessanti della cultura musicale messinese.

Grazie alle sue peculiarità è stata più volte invitata a inaugurare importanti monumenti tra cui ricordiamo il Monte di Pietà di Messina, il Duomo antico nel Castello di Milazzo, il Teatro “Casalaina” di Novara di Sicilia e il Teatro Greco di Aidone nell’area archeologica di Morgantina.

Dando concretezza ai suoi fondamentali principi statutari, l’Associazione ha dato vita a cicli di concerti di particolare rilievo sul piano delle scelte artistiche e degli esiti interpretativi, mantenendo però la vocazione di offrirsi come “strumento di conoscenza e diffusione della musica colta” in tutte quelle località che, per ragioni di marginalità territoriale, restano escluse dalla fruizione di musica classica, e presso tutte quelle fasce sociali solitamente lontane o poco motivate alla scelta di tale ascolto.

Tanti giovani musicisti che hanno fatto esperienza con l’ “Orchestra da Camera di Messina, oggi sono Docenti o Direttori di Conservatorio, Direttori d’Orchestra, solisti apprezzati o strumentisti in prestigiose orchestre italiane.

Oltre 600 concerti in 50 anni di attività, 186 Comuni visitati in ambito regionale e oltre 200 titoli di repertorio, proposti dalla sua “Orchestra” e dai suoi “Ensemble Strumentali scelti tra le opere più rappresentative delle stagioni più feconde della musica strumentale italiana ed europea, sono i dati più esplicativi che attestano lo sforzo produttivo e organizzativo dell’Associazione, grazie alla lunga collaborazione con la direzione artistica affidata al dott. Mario Saricain sinergia con la direzione musicale del maestro Antero Arenacoordinati dallo storico Presidente Giuseppe Arena.

L’Associazione oltre all’attività di produzione, da qualche anno propone una Stagione Concertistica stabile principalmente a Messina,ma anche in alcuni importanti centri della provincia come Taormina, Barcellona P.G. e Novara di Sicilia con l’ormai tradizionale “Suoni al Tramonto” ad agosto l’immancabile appuntamento annuale con le “fiabe d’autore” con voce recitante, per le scuole cittadine.

Quest’anno in occasione della cinquantesima stagione, l’Associazioneproporrà a Messina ben 14 concerti e il concerto inaugurale è fissato il 24 febbraio alla Sala Laudamo vedrà protagonista l’ Ensemble Barocco di Messina, con musiche di Vivaldi, Albinoni, Leclaire e Bach. 

Tra gli appuntamenti di rilievo da segnalare: il concerto di Pasqua, il 2 aprile alla Chiesa Santa Maria di Porto Salvo, con l’ “Orchestra da Camera di Messina”, diretta dal M° Pasquale Menchise, e la Corale San Nicolò, diretta dal M° Nazzareno De Benedetto, con lo StabatMater di Pergolesi per voci soliste, coro e orchestra; il 28 aprile, alla Sala Laudamo, altro imperdibile concerto con il chitarrista romano Michelangelo “Micki” Piperno, importante esponente della chitarra acustica Fingerstyle, didatta e concertista di fama internazionale. Per l’occasione, insieme ai “Solisti dell’Orchestra da Camera di Messinaverranno eseguiti brani in prima assoluta dello stesso Piperno e di noti compositori messinesi quali Chillemi, Paterniti e Puliafito. Dopo la pausa estiva la stagione autunnale riprende con altri importanti concerti quali: il 6 ottobre al Teatro Annibale, con l' “Orchestra da Camera di Messina, diretta dal M° Samuele Galeano, con Alessandro Marano che proporrà un’inedita Suite di Pilati per pianoforte e orchestra; il 27 ottobre, alla Chiesa dello Spirito Santo, con Fabio Rinaudo attento studioso ed interprete della cornamusa irlandese, con all’attivo quasi 3000 concerti in Italia e all’esteroda oltre trenta annipone la sua attenzione allo studio della musica tradizionale irlandese, della musica tradizionale italiana ed alla musica antica; il 15 dicembre, ancora al Teatro Annibale, un altro concerto con l’Orchestra da Camera di Messina”, diretta questa volta dal M° Giovanni Ferrauto e con il celebre violinista Franco Mezzena che proporrà una “Vivaldiana”, insieme a giovani emergenti violinisti messinesi. A chiudere la stagione il 26 dicembre, alla Chiesa di Santa Caterina, la tradizionale “Notti Disiata, suoni e canti del Natale, tra tradizione colta e popolare, in collaborazione con il Museo di Musica Popolare dei Peloritani.