Un capitolo di solidarietà e crescita oltre le “stanze bianche”

Un capitolo di solidarietà e crescita oltre le “stanze bianche”

In una meravigliosa giornata festiva e di scambio di auguri natalizi, ieri 22 dicembre 2023, l'Unità Operativa di Ematologia con Talassemia presso l'ARNAS Ospedali Civico e Benfratelli – G. Di Cristina- Maurizio Ascoli- di Palermo, sotto la guida del Dr. Giovan Battista Ruffo, ha vissuto un evento speciale. Un evento che ha unito giovani pazienti ospedalieri e studenti provenienti dall'ICS Lombardo Radice, in un'esplorazione condivisa.

I giovani partecipanti, compresi tra i 3 e i 13 anni, hanno abbracciato attivamente le attività proposte dalla scuola in ospedale del plesso “Ismett-Civico”, appartenente anch’ esso all’ Istituto Lombardo Radice. Accanto a loro, un coro di studenti della scuola secondaria di primo grado del Plesso Mazzini, guidato con maestria dal Prof. Leonardo Alaimo, ha condiviso un momento unico.

L'evento ha segnato una straordinaria fusione di esperienze, trasformando le mura ospedaliere in un palcoscenico di inclusione e apprendimento. La scuola in ospedale, oltre a offrire conoscenza, si è rivelata un faro di normalità in un ambente spesso intriso di difficoltà. Gli alunni e le alunne della scuola in ospedale e gli studenti del Mazzini hanno superato le barriere dell'ambiente ospedaliero, trovando nella narrazione de "Il Piccolo Principe" di Antoine De Saint-Exupéry un comune terreno di amicizia e condivisione.

Questa straordinaria esperienza ha coinvolto non solo gli studenti, ma ha visto anche la partecipazione attiva e il coinvolgimento profondo del personale sanitario e degli insegnanti della scuola ospedaliera. È stata un'occasione che ha lasciato un'impronta indelebile nei cuori di tutti coloro che hanno preso parte, dimostrando la capacità di coltivare la speranza, il benessere emotivo, la positività anche all'interno di un ambiente ospedaliero. Offrire ai bambini non solo cure fisiche, ma anche la possibilità di crescere e imparare in un contesto altrimenti complesso, è un regalo inestimabile ed in questa occasione ha arricchito ancor di più ognuno coinvolto.

I docenti della scuola in ospedale